BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MEETING 2014/ Charles Péguy, il pensiero non può fare a meno della carne

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Il pensiero di Charles Péguy costituisce uno tra i contributi più originali e rilevanti – anche se ancora in gran parte nascosto – alla filosofia del Novecento. La cosa può sembrare paradossale, se si pensa alla sua accesa polemica contro il partito degli intellettuali di professione, e la sua insofferenza ai principi astratti che pretendono di imbrigliare l'imprevedibilità della vita e la sorpresa degli eventi. Ma a ben guardare è proprio questa attitudine anti-accademica e anticlericale – di qualunque clero si tratti, quello della neo-scolastica o dello spiritualismo cattolico o del materialismo positivista – a rendere più interessante e decisivo quel contributo. Sin dall'inizio Péguy si augurava di «mantenere la giovinezza del suo appetito metafisico», quella fame dell'essere e quella sete del senso delle cose che nasce dall'impatto con il reale. Perché il reale non "è" mai semplicemente lì "fuori" di noi (ma neanche semplicemente qui "dentro" di noi), come qualcosa di già-fatto, ma appunto accade: il suo essere è dell'ordine della storia, e il suo senso ha la dimensione del tempo. La realtà è qualcosa che "si dà" a qualcuno, un evento che chiede il nostro libero sguardo per mostrare il suo senso – anzi, il suo stesso essere. 

Questo porta a due conseguenze speculari: da un lato noi non possiamo mai presumere di cogliere e conoscere la realtà del mondo una volta per tutte, perché questo è possibile solo quando misuriamo le cose con i nostri schemi a priori (come voleva il positivismo); ma ogni "scienza" esatta deve sempre fare i conti con gli eventi individuali e irripetibili dell'esperienza. Perché ogni volta che la realtà riaccade si fa esperienza – in un tempo e in uno spazio determinati – del suo senso, e questa scoperta ci permette di scoprire tutta la potenza inesauribile dell'essere. Ma specularmente, quando parliamo del senso del mondo e del valore dell'uomo non possiamo più intenderli come una costellazione di principi che ci guardino dal cielo, ma come la libera fioritura dalla terra della nostra esperienza vissuta. Lo "spirituale" (per usare i termini di Péguy) o è "carnale" o non è; e la carne dell'esperienza o porta in sé e manifesta da sé la sua verità o resta un dato inerte, anaffettivo. Ma questo sta a dire che solo la libertà può riconoscere l'essere, il senso ed i valori.

La grazia dell'esser cristiani (che a un certo punto della sua vita Péguy riconosce come l'inevitabile origine del suo sguardo e del suo cammino) è ciò che rivela la legge immanente alla natura dell'essere, cioè il suo esser-avvenimento (come ha richiamato acutamente Alain Finkielkraut). È grazie all'esperienza del cristianesimo che la grande scoperta greca della meraviglia per la presenza degli enti può attraversare tutto il dramma della modernità e riaffermarsi dentro quest'ultima, affrancandosi dalle sue riduzioni ma anche rilanciando la scoperta moderna della libertà da cui la stessa grazia alla fine misteriosamente dipende. 



  PAG. SUCC. >