BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PASOLINI/ Chi lo convinse a mettere la Resurrezione nel suo "Vangelo"?

Pubblicazione:

Pier Paolo Pasolini (Infophoto)  Pier Paolo Pasolini (Infophoto)

Quando, una volta sacerdote, gli venne proposto di essere direttore del Centro Cattolico Cinematografico, esitò molto e chiese un consiglio a San Josemarìa che gli disse: "Non vai a fare il censore ma l'amico: con un'amicizia di cui spesso gli artisti non hanno idea perché il più delle volte quelle del mondo dello spettacolo sono amicizie interessate. Loro non verranno da te. Sei tu che devi andare da loro". 

Così don Francesco strinse con infinito affetto amicizia non solo con Pasolini, ma anche con Fellini, Rossellini, Olmi, Lilliana Cavani. Chi dubitasse che quello con Pier Paolo Pasolini fosse affetto vero, dedichi cinque minuti all'intervista che gli è stata fatta poco prima di morire. Don Checco racconta un particolare poco noto, e cioè che Pasolini scelse sua madre per impersonare Maria nella scena della deposizione. Sua madre: cioè, proprio la mamma di Pier Paolo. E don Francesco, con infinita tenerezza, dice: "L'unico amore femminile che ha avuto, perché lui amava molto sua madre". E poi si commuove.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
04/09/2014 - link alle interviste (Mauro Leonardi)

Se interessa, ecco i tre link alle interviste: Qui, intorno al minuto 2' il racconto di don Francesco a proposito del film e della scelta della madre http://youtu.be/Ua_3sw0zAWA Qui, altri particolari rispetto a Il vangelo secondo Matteo, di Pasolini http://youtu.be/5RKi8cmqf_w Qui, "Escrivá mi disse non vai a fare il censore ma l'amico" http://youtu.be/6LEGESBduv4

 
04/09/2014 - l'amicizia custodia dell'altro in spirito e verità (Paola Baratta)

Chissà perché mi è venuto in mente quell'incontro di amicizia e verità tra la samaritana e Gesù. Gesù che poi duce che bisogna amarlo in spirito e verità. Credo che Pasolini volesse farlo. Amare Gesù, dico. E ecco che questo rende possibili incontri impensati che superano ideologie e barriere. Ed entrano nel cuore. Si entra così in una vertigine meravigliosa. Che entra nella tua carne. Nelle tue parole e cambia la tua vita. E ecco che Pasolini inserisce nel suo film miracoli e Resurrezione. Ed ecco che un prete comprende cosa fosse l'amore per Pasolini per la mamma. Per Maria, pure. Dolore e amore che non possono che commuovere e il sacerdote lo fa. Piange. Perché quando la vita ti porta il cuore di un'altra persona capisci tante cose. La più importante è l'amore di misericordia. Quello che ti rende figlio e fratello. Bambino e padre. quello che ti metti in ginocchio a pregare per quel cuore e per il tuo così piccolo. Anche quello che ti fa scoprire la Verità. Tua e dell'altro. Che è sempre una. È sempre amore. È sempre Gesù.