BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ García Márquez, Neruda, Rulfo: il padre è tutto

Pubblicazione:

Gabriel García Márquez (Infophoto)  Gabriel García Márquez (Infophoto)

Devo alla copiosa biografia di García Márquez, scritta dal raffinato e arguto Gerald Martin, un'osservazione molto puntuale. Martin conferma uno dei luoghi comuni della critica sul grande scrittore colombiano: l'influsso di Franz Kafka. Successe alla fine degli anni 40 del secolo scorso. García Márquez abitava in una pensione da quattro soldi, fingeva di studiare all'università, e divorava libri in omaggio alla sua invincibile vocazione letteraria. 

Soffriva d'insonnia, e gli amici gli prestavano dei libri che lo aiutavano a conciliare il sonno. O, almeno, gli facevano passare la nottata. Una di quelle notti, qualcuno gli portò un libro appena stampato dalla casa editrice "Losada" e tradotto da Jorge Luis Borges. Il libro si chiamava La metamorfosi e il suo autore, Franz Kafka. Invece di dormire, García Márquez passò la notte in bianco, a leggere e rileggere il capolavoro dello scrittore praghese. "È così come si deve scrivere!" esclamò. E dopo: "È così come raccontava le storie mia nonna!". E cioè, con la faccia di legno. Raccontare le cose più inverosimili con lo stesso tono con cui si raccontano i fatti quotidiani. 

Gregor Samsa si svegliò un giorno convertito in uno scarafaggio, e ne prese atto senza scomporsi. Non si scompose la sua famiglia. Anche i protagonisti dei romanzi di García Márquez assistono a fenomeni sovrannaturali con la familiarità di chi beve il caffè al mattino: Maurizio Babilonia gira con un'aureola di farfalle gialle in testa, padre Nicanor lievita ogni volta che beve una tazza di cioccolato, Remedios la Bella ascende in cielo in corpo e anima trascinata de un lenzuolo che stava stendendo. 

García Márquez aggiunge, a questa tecnica kafkiana, il suo contrario: le cose quotidiane sembrano fatti straordinari: il colonnello Aureliano Buendìa, da bambino, conosce il ghiaccio, e gli sembra qualcosa di fantastico; i sassi del fiume di Macondo paiono uova preistoriche; costruire una gabbia per uccelli diventa un'impresa meravigliosa. 

Qui interviene Martin. Secondo lui, la somiglianza fra Kafka e García Márquez risiede, anche, in un'altra circostanza, diversa dalla tecnica del fantastico. La somiglianza risiede nel rapporto col padre. Conosciamo bene le relazioni conflittuali di Kafka con il proprio progenitore. Meno bene quelle di García Márquez con don Eligio García, il telegrafista transumante  che lo fece venire al mondo e che mai gli concesse uno sguardo di riconoscimento. Don Eligio era un uomo votato al fallimento. Non solo fece il telegrafista, ma provò fortuna con le farmacie. Ai suoi insuccessi come farmacista contrapponeva un successo con le donne. Un po' poeta, un po' ballerino, un po' bohèmien, il signor Eligio non ebbe molto tempo da dedicare ai figli e ai figliastri. Tanto che la vera figura paterna per García Márquez fu il nonno materno, il colonnello Nicolás Márquez.  



  PAG. SUCC. >