BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ELIOT/ Il canto d'amore di J. Alfred Prufrock, cent'anni e non sentirli

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Thomas Stearns Eliot (1888-1965) (Immagine dal web)  Thomas Stearns Eliot (1888-1965) (Immagine dal web)

Sembrerebbe che il seme sovversivo della poesia modernista piantato da Thomas Stearns Eliot all'inizio del Novecento sia sopravvissuto, nonostante la proclamata inutilità di questa strana  poesia, alla morte stessa del Modernismo anche in Eliot stesso, la cui voce roca, ancora ascoltabile nelle registrazioni di The Waste Land o dei Four Quartets, rimase la stessa accarezzando nel tempo un diverso sentire del tempo, e dell'essere:

What we call beginning is often the end
And to make an end is to make a beginning
The end is where we start from

Quel che chiamiamo inizio è spesso fine  
E dar fine è dar inizio
Fine è da dove partiamo 
(Little Gidding, Four Quartets)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.