BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Dalla Russia all'Italia, percorsi di un "io" in cerca di sé

Pubblicazione:

Leningrado, fine della seconda guerra mondiale (Immagine dal web)  Leningrado, fine della seconda guerra mondiale (Immagine dal web)

In passato è stata la storia di padre Leoni, il missionario italiano che subito dopo la seconda guerra mondiale era finito in un campo sovietico per la delazione di un confratello, ma quando lo aveva ritrovato nella stanza del giudice istruttore, invece di inveire o accusare, gli aveva chiesto una rapida assoluzione, che aveva ricevuto e subito scambiato. Qualche giorno fa gli effetti di uno spirito simile si sono visti a Kiev, in un convegno organizzato da ortodossi nel quale alla presenza di una folta delegazione della Chiesa greco-cattolica ucraina, è stato presentato quello che viene riconosciuto oggi il miglior libro sul cardinale Slipyj, uno dei grandi testimoni della fede cattolica al tempo del regime sovietico; allora, e per qualcuno ancora oggi, le due Chiese non potevano concepirsi se non come nemiche. Qualche giorno fa il problema di come chiedere o concedere il perdono per i torti subiti non si è neppure posto: le sofferenze del cardinale dell'altra Chiesa sono diventate una ricchezza per tutti.

La scommessa del convegno di domani è esattamente la stessa: si ritroverà un io capace di riconciliare la nostra Europa, e capace di farla rispondere alle sfide di oggi senza vedere dappertutto ed esclusivamente l'opera di un nemico?

-
Fondazione Russia Cristiana, Convegno internazionale 2015: "L'io, la sua libertà e il potere. La persona e i totalitarismi". Tra i relatori: Konstantin Sigov, Georges Nivat, Andrej Desnickij, Svetlana Mart’janova, Nikolaj Epple, Salvatore Abbruzzese, Adriano Dell’Asta. Informazioni: russiacristiana.org



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.