BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Silvia Avallone, così un figlio cambia la vita

Pubblicazione:

Silvia Avallone con le protagoniste della versione cinematografica del suo "Acciaio" (Infophoto)  Silvia Avallone con le protagoniste della versione cinematografica del suo "Acciaio" (Infophoto)

Sapere non è solo conoscenza. Non è solo aver letto tanto, aver scritto tanto. Sapere è anche sapore, lo dice l'etimologia. Sapere la vita vuol dire saperne il sapore. Finché non l'assaggi, la vita, non la sai. Non la conosci. E se la leggi o la scrivi dopo averla assaggiata, non la riconosci più rispetto a quando la scrivevi e la leggevi prima di averla assaggiata.

Secondo me tra un po' Silvia non si ritroverà in una frase dove dice che la scrittura serve a risarcire. "Tutti noi quando scriviamo ci regaliamo qualcosa che la vita ci ha negato o ci ha strappato via. Cerchiamo di tamponare un vuoto, di riempirlo con le parole. Ma ci riusciamo?".

No, Silvia,  quel "tutti" non va bene. Da quel "tutti" io sono fuori. Non mi ci ritrovo in quel "tamponare", "riempire vuoti". Un libro non riempie la vita vuota di uno scrittore come un figlio non riempie la vita vuota di una donna. La vita nasce sempre come dono. "Dare alla luce" è un modo di dire che serve sia per parlare di un figlio che di un progetto. La vita è così, è sempre feconda. Fa vedere meglio quello che già c'era. Non dovremmo compiere gesti per tamponare buchi o riempire vuoti e quando accade dovremmo sapere che avviene nostro malgrado. Che così non va bene. Che prima o poi quella cosa dovrà cambiare. Vivere vuol dire sempre completare, portare a compimento, donare e arricchire ciò che è già esistente, vivo e ricco. La scrittura è per me come la madre che Silvia desidera essere.

La scrittura fa nascere storie mentre le racconta e non può essere egoista e colmatrice di vuoti, perché in quel modo quei vuoti non si riescono mai a tamponare.

Mi piace, del pezzo di Silvia Avallone, il finale in cui dice che "le parole che sono già state inventate, in questo momento non reggono il confronto con le cose". È vero, le opere, le cose, sono vita, e scoprire che più la vita si fa "densa" più le parole non bastano, è una bella cosa. Anche se questa è proprio la sfida di ogni scrittore vero: trovare parole che contengono le cose nuove di ogni giorno.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.