BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Grossman in guerra: l'eroismo è "una questione di gesti quotidiani"

Pubblicazione:

Soldati russi a Stalingrado (Immagine dal web)  Soldati russi a Stalingrado (Immagine dal web)

Vasilij Grossman aveva trentasei anni, era un autore rispettabile, ? ligio al canone del realismo socialista seguiva le direttive del Partito (cui pure non era iscritto), quando l'Urss venne invasa dai tedeschi, il 22 giugno 1941. Si arruolò volontario, e il 5 agosto venne inviato al Fronte centrale come corrispondente speciale della Stella Rossa, il giornale dell'Armata Rossa. Iniziò subito ad annotare nei suoi taccuini (i diari erano vietati dal regime) quanto vedeva e sentiva: ogni parola, ogni particolare di cui veniva a conoscenza intervistando soldati e ufficiali. 

Ricordava il "terribile" direttore della Stella rossa, Ortenberg: "Credo che fosse proprio la sua abitudine di non prendere appunti nel corso delle interviste a garantirgli la fiducia della gente. Avrebbe messo tutto per scritto in un secondo momento, dopo aver fatto ritorno al posto di comando". Lì "riportava meticolosamente ogni parola nei suoi taccuini… Sono appunti estremamente concisi. Colgono i tratti peculiari della vita al fronte in una sola frase, come se venissero fissati su carta fotografica". 

Il recente volume adelphiano V. Grossman, Uno scrittore in guerra (a cura di A. Beevor e L. Vinogradova, traduzione di Valentina Parisi, Adelphi, 2015, pp. 472) offre ai lettori italiani un saggio di questi straordinari taccuini; i curatori ne citano lunghi brani così come frammenti, li ordinano secondo la cronologia degli eventi bellici e li commentano. Insieme con i taccuini sono raccolti una selezione dell'epistolario (in particolare, delle lettere ai famigliari) tuttora inedito in italiano (del resto, anche in russo è uscito solo in forma incompleta e ridotta), alcuni saggi in parte già pubblicati (come L'inferno di Treblinka, di cui nel volume è riprodotta un'ampia, terribile e bellissima parte, nella traduzione di Claudia Zonghetti), e stralci degli articoli apparsi in "Krasnaja zvezda", che resero Grossman celebre e amato tra i lettori del paese in guerra. Vi sono anche le testimonianze di chi conobbe lo scrittore e lavorò allora con lui. Come il già citato Ortenberg, e il collega Erenburg. Il primo gli pubblicò con entusiasmo, nell'estate del 1942, il romanzo ancora social-realista Il popolo è immortale, che ebbe enorme successo. Il secondo, nelle memorie Uomini, anni, vita, destinate a creare il canone letterario sovietico del Disgelo, notava che "Grossman trovò la sua strada di scrittore durante la guerra. Nei libri precedenti era ancora alla ricerca di un tema, di un linguaggio". Ed è vero: l'autore di Vita e destino, Tutto scorre, La Madonna Sistina, dei sorprendenti racconti dei primi anni sessanta, uscì trasformato — come del resto avvenne per i migliori autori in lingua russa del suo tempo — dall'esperienza, spaventosa ma reale, umana e concreta, del conflitto. 

Nella quotidianità al fronte, vissuta come reporter ("una volta un generale … ha detto che gli uomini più coraggiosi sono i corrispondenti di guerra, perché sono costretti a lasciare le retrovie per il fronte talmente tante volte…"), scoprirà che l'eroismo è "una questione di gesti quotidiani". 



  PAG. SUCC. >