BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ In Natali ingordi e privi di perdono, quel Bimbo colma il nostro vuoto

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Giovanni Testori (1923-1993) (Immagine dal web)  Giovanni Testori (1923-1993) (Immagine dal web)

C'è una donna bambina con un velo, che tiene un piccolo stretto al viso, sotto un telo luccicante d'oro e argento. Sullo sfondo, un giovane uomo col capo chino, coperto da un cappuccio nero. E' una foto che ha l'intensità di un'icona contemporanea, e potrebbe essere una natività del nostro tempo, se non fosse per i visi immersi di malinconia. E' stata scattata dal fotografo greco Aris Messinis, dell'agenzia Afp, che si è trovato negli ultimi due mesi in mezzo ai rifugiati, per lo più siriani, che su mezzi precari raggiungono l'isola greca di Lesbos, per provare il passaggio al mondo nuovo, quello che almeno li toglie dall'incertezza delle bombe. Altre, altrettanto forti, le scatta per Reuters Yannis Behrakis. Ce n'è una, in particolare, con un neonato avvolto in fasce, in uno scatolone di cartone avana. Il bimbo si rannicchia nella sua piccola mangiatoia di carta, solo, a dormire.

E' Natale, e con lui preme tutto questo pulsare di vite ai confini, mettendo tutti, chi ci crede e anche chi non ci crede, davanti ad un fatto perentorio: nascere è una cosa seria. Nella parola Natale si nasconde la parola nascita, ho scoperto di nuovo, davanti a una piccola e resistente bambina turca che me lo chiedeva. E, come ha recentemente ribadito uno dei poeti più importanti e sommessi d'Italia, Emilio Rentocchini, in realtà il vero mistero nella vita non è morire, ma nascere. L'aveva capito così bene, Antoni Gaudì, che alla sua morte aveva lasciato, piantata nel cuore di Barcellona, una sola porta trionfale, della sua Sagrada Familia: il portale della Natività. Sapendo che la sua vita sarebbe durata meno della sua opera, decise. Alzò verso il cielo tutta una facciata, in cui raccontava l'intera storia del Natale, in pietra dura.

Che cosa c'è di più fragile, invece, e al contempo di più perentorio, di un bambino? È una potenza che diventa già un atto. Un germe di atto, che nasce da un'azione precedente, della carne e della mente. Nel tempo dell'oggi istantaneo, del tutto e del subito, sembra quasi una bestemmia. Sembra una bestemmia, immergendosi nel flusso di gente che sceglie i regali, in fretta, con più o meno amore, come fossero quelli che salvano dal vuoto. Sono belli i regali di Natale, ma spesso di una gioia che copre i sapori, che copre il tempo. Vivienne Westwood, geniale stilista britannica, dice al popolo di Facebook, con la sua faccia vivace: "Scegliete meglio. Fate durare le cose". Già, ma come farle durare, dove tutto sembra che crolli? Guardare al centro del nostro mondo stanco non fa che aumentare la stanchezza. Addomestichiamo il Natale a colpi di buoni propositi, e non ci accorgiamo della mangiatoia nascosta nella città, dove tutto ciò che accade di cruciale, accade nelle periferie. 



  PAG. SUCC. >