BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Whina Cooper / Il doodle di Google celebra il 120° anniversario dell'attivista neozelandese

Pubblicazione:

Whina Cooper alla testa di una marcia di protesta  Whina Cooper alla testa di una marcia di protesta

WHINA COOPER, IL DOODLE DI GOOGLE CELEBRA IL 12O° ANNIVERSARIO DELL'ATTIVISTA NEOZELANDESE - Whina Cooper nasceva il 9 dicembre del 1895 in Nuova Zelanda, a Te karaka, nella regione dell'Hokianga, una zona che circonda il porto di Hokianga, noto anche come il fiume Hokianga, un lungo estuario annegato sulla costa occidentale a nord della North Island della Nuova Zelanda. Oggi, in quello che sarebbe stato il suo 120° compleanno, Google onora Dame Whina Cooper con un Doodle, che rende omaggio al suo risultato più storico, la famosa marcia simbolica dalla punta settentrionale dell'Isola del Nord al Parlamento nel Wellington, all'altra estremità dell'isola. Whina Cooper è stata un'attivista per la maggior parte della sua vita. Ha combattuto instancabilmente per i diritti dei Maori, soprattutto donne, ed è stata eletta prima presidente delle donne Maori Welfare League nel 1951. In riconoscimento dei suoi sforzi, è stata fatta Dama dell'Impero Britannico nel 1981, e un membro dell'Ordine della Nuova Zelanda nel 1991. Il Doodle di Olivia Huynh si è ispirato alle foto del tempo, evidenziando il fatto che la marcia ha coinvolto persone di ogni età, tutti riuniti da un appassionato e tenace capo: Whina Cooper. E' bene ricordare che Whina Cooper ha organizzato la sua prima manifestazionequando aveva solo 18 anni, radunando un piccolo gruppo per protestare contro la locazione di terra in cui il popolo Maori tradizionalmente era stanziato. Quando era già vicina agli 80 anni (Whina Cooper è morta il 26 marzo 1994 all'età di 98 anni) l'attivista ha capeggiato un'altra protesta, questa volta organizzando migliaia di persone in una marcia di riferimento dall'estremo Nord al Parlamento a Wellington, per denunciare pubblicamente la perdita di milioni di acri di terra Maori. 



© Riproduzione Riservata.