BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cultura

ISRAELE/ Scoperti i resti di un culto religioso risalente a 8.000 anni

Nella zona del deserto del Negev in Israele gli archeologi hanno scoperto i resti di un culto religioso sconosciuto risalente a circa 8.000 anni fa, ecco di cosa si tratta

Deserto del NegevDeserto del Negev

Alcuni archeologi impegnati in ricerche e scavi nella zona del deserto del Negev tra le montagne di Eilat in Israele hanno scoperti resti di un culto religioso sconosciuto risalente ad almeno 8mila anni fa. I risultati di queste scoperte sono stati pubblicati sul Journal of the Israel Prehistoric Society. Sul luogo quelli che sembrano altari serviti per sacrifici animali e pietre scolpite a forma di organi sessuali. Secondo gli archeologi quanto ritrovato è diverso da qualunque altra cosa conosciuta fino a oggi in quella zona: "I siti recentemente scoperti sono costituiti da piccoli, bassi impianti di pietra circolare, ovale e allungata, come pure una sequenza ripetitiva di una pietra allungata che punta a un cerchio. Contengono anche una serie di oggetti particolari che implicano la loro funzione di luogo di culto" si legge nell'articolo. Secondo gli studiosi questi reperti risalgono all'epoca cosiddetta "Pre-Pottery Neolithic B" e possono servire a conoscere di più delle popolazioni e delle loro credenze religiose che vivevano nel deserto all'epoca delle comunità neolitiche. I temi principali, si legge ancora, riguarderebbero la morte e la vita, temi che appartengono a tutte le società umane dell'epoca.

© Riproduzione Riservata.