BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Breve cronaca da un paese dove la Chiesa sta sparendo

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

Ma noi sappiamo che Egli opera davvero. Anche nella Germania di cui stiamo parlando. Quante famiglie, le piccole chiese del cardinal Marc Ouellet, quanti movimenti e singoli cristiani, quanti sacerdoti e laici consacrati si impegnano in quell'azione di reale evangelizzazione, cioè di presenza dell'amore di Cristo. Un amore che si rivela in modo discreto nell'operare degli "invisibili": madri che sebbene malate portano a dei bambini siriani senza giocattoli quelli dei loro bambini, famiglie che accompagnano altre quando un bambino di dieci o quindici anni si toglie la vita, e così via. Gli esempi potrebbero riempire pagine e pagine di questo giornale e a volte lo fanno anche. Ciò non toglie che la crisi è molto forte e come notava, negli anni Quaranta, in una pagina del suo diario — Cielo e terra — Urs von Balthasar, umanamente parlando sarà solo una questione di qualche decennio perché accada al cristianesimo in Germania ciò che è capitato alla presenza cristiana nel nord dell'Africa. Neppure un grande vescovo come Agostino ha potuto impedire che la sua diocesi, quella di Ippona, diventasse solo memoria storica. Ma le Sue parole e la Sua presenza rimarranno, anche quando terra e cielo saranno a loro volta scomparsi.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
15/02/2015 - Marx & Kasper vs. Ouellet (Giuseppe Crippa)

A parte il lapsus sulla “nascita verginale di Maria” (si tratta invece ovviamente del “parto verginale di Maria”) le riflessioni del prof. Graziotto sono come sempre interessanti. Apprezzo in particolare la notazione della crisi senza limiti della Chiesa Evangelica nonostante il suo “aggiornamento” allo spirito del mondo – crisi che purtroppo non sembra interrogare la Chiesa Cattolica tedesca guidata dai cardinali progressisti Marx e Kasper, accostata ai piccoli esempi di cristianesimo tra i quali cita le “piccole chiese” del cardinal Marc Ouellet, considerato da molti con diffidenza un conservatore.