BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

GIORNALI/ L'Espresso, l'Italia senza fede e l'incontro possibile

L'associazione degli atei italiani lamenta che in Italia non ci sarebbe più libertà di professare il proprio ateismo. Un equivoco da dissipare, una sfida da accogliere. COSTANTINO ESPOSITO

Infophoto Infophoto

L'associazione degli atei italiani lamenta — a quanto riporta un'inchiesta de l'Espresso — che nel nostro Paese non ci sarebbe più la liberà di professare il proprio ateismo e di esercitare praticamente il proprio agnosticismo in materia religiosa. Dalle scuole agli ospedali, dalle Forze armate agli uffici pubblici, sembra che pesi ancora come un obbligo forzato l'ossequio a quella che, nonostante tutta la laicità dei nostri ordinamenti, resterebbe di fatto una "religione di Stato". 

In realtà, quella che viene presentata come un'indebita ingerenza evidenzia semmai una situazione paradossale, e anche drammatica: proprio nel momento in cui alcune forme o riti religiosi vengono proposti, per così dire, "d'ufficio" in luoghi pubblici, essi evidenziano una debolezza di coscienza e di esperienza che a mala pena viene dissimulata dietro l'appello ad una lunga tradizione.

Con questo non voglio dire affatto che non debba essere più lecito esprimere e proporre la propria fede, attraverso dei gesti pubblici in luoghi pubblici, come alcuni si augurerebbero: si ricadrebbe così nel totalitarismo ideologico di chi, pur rivendicando giustamente il diritto di libertà individuale, e il dovere da parte dello Stato di non imporre una posizione sulle altre o di non censurare pregiudizialmente nessuna opzione religiosa (compresa quella di chi rifiuta ogni opzione religiosa), finisce per decidere a priori che la fede non può avere alcuna ragionevole valenza e presenza pubblica. Come è stato notato già da diversi anni, da parte degli studiosi più attenti delle società democratiche post-secolarizzate (pensiamo ad esempio a Jürgen Habermas o a Martha Nussbaum), la fede religiosa non può affatto essere archiviata come un residuo sub-culturale delle culture razionali e pluralistiche; al contrario, essa in molti casi costituisce una riserva di senso che anima e sostiene la vita delle persone: un significato ideale senza del quale molte delle scelte e delle azioni concrete dei singoli non sarebbero compiute, e lo stesso senso di appartenenza ad una comunità sociale verrebbe meno. 

Ma proprio questa considerazione ci permette di capire qual è la vera posta in gioco del problema che indirettamente — e forse al di là delle loro intenzioni — viene posto dai risentiti "atei" italiani: se cioè la fede religiosa, o meglio la fede cristiana, sia vissuta e proposta pubblicamente a partire da un'esperienza personale, quindi come un guadagno ragionevole e libero da parte dei soggetti individuali, o sia soltanto il residuo di una tradizione culturale e cultuale che, per quando importante e decisiva per la nostra storia, sarebbe inevitabilmente destinata all'estinzione. Magari non come assetto istituzionale, ma come esperienza dell'"io". 


COMMENTI
22/02/2015 - Liberta! (Corrado Rizzi)

Nel mio ufficio sono sempre stati esposti in evidenza i simboli della mia fede senza che i miei collaboratori se ne risentissero, così come io non mi risentivo dell'assenza di tali simboli dai loro uffici, popolati esclusivamente da agnostici. E neanche i collaboratori più operativi, tra i quali alcuni erano culturalmente in grado di sostenere, e sostenevano, efficacemente la loro posizione, c'era la preoccupazione per i miei simboli, loro avevano i loro: in genere porno. Ma tutti noi avevamo la libertà di dirci esplicitamente ciò a cui tenevamo. In Italia, per ora, è ancora possibile. Dunque: che senso ha la presa di posizione di questa associazione di atei se non quella di un desiderio di visibilità? Ma si accomodino: noi, i religiosi, cristiani, non abbiamo paura della libertà. Sono piuttosto gli atei che, quando hanno avuto l'occasione di essere al potere, hanno perseguitato le religioni, tutte! Marx e massoni insegnano.