BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Manzoni, Gertrude e il "guazzabuglio del cuore umano"

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Cosa abbia giocato nel suo animo, lo scrittore lo sviluppa e approfondisce sapientemente nel corso del racconto, senza mai ridurre il dramma della libertà, ma anzi evidenziandone una radice quel venir meno del rapporto con la realtà concreta e vivere ne "la fantasia", "l'immaginazione sfrenata", il "vagare in un mondo ideale", popolato di fantasmi che non acquistano forma reale; questo costruire "castelli in aria" è uno degli aspetti fondamentali che accomuna una lunga serie di personaggi femminili, dalla Francesca da Rimini di Dante fino ad Emma Bovary o le eroine moderne di tanti romanzi, la più nobile delle quali è Anna Karenina. 

Per molte di esse valgono le parole di Flaubert: "in fondo al cuore aspettava che accadesse qualcosa… così ogni mattina destandosi sperava per quel giorno … e l'avvenire era un corridoio nero, nero con in fondo una porta sprangata…".

Manzoni, fuori dal romanzo, sa che anche la figura storica di Suor Virginia de Leyva trovò, proprio nell'abbraccio accogliente del Cardinale Federico Borromeo, una misericordia più grande, una "sapienza, che, il cielo ne sia lodato, non è la nostra". 

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.