BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cultura

LETTURE/ Il falso "gemellaggio" tra cristianesimo e occidente

InfophotoInfophoto

Cristo mise gli occhi a mandorla, i personaggi delle storie evangeliche cambiarono il colore della loro pelle e le lodi di Dio cominciarono a essere cantate anche in lingua guaraní, in irochese, in tagalog. Si creò un pluralismo ancora più cosmopolita di catechismi, liturgie, stili educativi e ideali di santità, una sinfonia eterogenea di mille soggetti diversi, ma sempre in dialogo tra loro. Tutto ciò può essere stato solo il frutto della forza civilizzatrice dei nuovi Padroni a senso unico del mondo?

© Riproduzione Riservata.