BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Pasqua, che cos'è il silenzio cristiano?

Pubblicazione:

William Congdon, Crocifisso (Immagine dal web)  William Congdon, Crocifisso (Immagine dal web)

Ben altra cosa è il silenzio che si apre in umile accoglienza ospitale dell'Assoluto che ci è venuto incontro, di sua iniziativa, con una rivelazione prima di tutto da riconoscere, in cui identificarsi lasciandosene trasformare. Il gesto essenziale qui diventa misurarsi con una presenza che c'è e si manifesta, venendoci incontro. Ci viene incontro nel modo documentato nei libri dei due Testamenti, passando per la forma assolutamente inequivocabile dell'incarnazione del Dio fatto uomo che ci fa risorgere autoimmolandosi per noi dalle braccia della croce.

Il silenzio più fecondo e promettente è quello che si è invitati a coltivare seguendo la strada dell'immersione esistenziale nell'oggettività dell'evento di Cristo che ci salva, riaccadendo per noi, oggi, lungo la traccia segnata dall'amore che ci precede, sempre e nonostante tutto. Dalla "notte dell'abbandono" all'"incredibile notizia" del giorno di Pasqua, è quella che ci aiuta a ripercorrere Gianluca Attanasio con il suo L'amore che non muore. Meditazioni sulla passione di Gesù (Messaggero, Padova 2015).



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.