BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

EVOLUZIONE/ Pro o contro Darwin? Prima leggiamolo...

Pubblicazione:

Iguana, Isole Galapagos (Infophoto)  Iguana, Isole Galapagos (Infophoto)

Studio quanto mai inconsueto nel panorama saggistico italiano, il libro di Stefano Bertani (Il letterato Darwin. La scrittura dell'evoluzione, Editori Riuniti, 2015) nasce da una lunga consuetudine che l'autore ha riservato alla lettura e alla ricognizione dei maggiori «scienziati-letterati» italiani, come li definiva Croce, e all'ambiente culturale degli intellettuali e scrittori, darwinisti e no, che movimentarono il ricchissimo clima culturale del nostro «Secolo del Progresso». 

Un cinquantennio, in verità, contraddistinto dalla diffusione del darwinismo e dello spencerismo, dalle scienze applicate, dalle rivoluzioni sociali, dalle passioni nazionaliste e dalle tanto celebrate Esposizioni Universali (oggi chiamate, con inconsapevole indifferenza, «Èxpo» o «Expó»). Dopo il cosiddetto «secolo breve», che indubitabilmente si è chiuso, quello nuovo, che noi oggi viviamo, sempre più sembra rievocare la cultura del «lungo» Ottocento. Cultura d'élite, allora, che si cercava di divulgare con la moderna editoria "popolare"; oggi divenuta cultura di massa, con la trasformazione in cultura di vasto e facile intrattenimento. 

Il caso darwiniano parrebbe confermare il dato storico. Nonostante le (brevi) discontinuità che la fama di Darwin ebbe dal 1859 in poi, è certo degno di nota che la sua lezione, decisiva tanto per le scienze naturali quanto per quelle filosofiche e umanistiche, anziché scemare, è andata sempre più rinnovandosi. Uno dei più importanti studiosi di letteratura anglosassone di età vittoriana, George Levine, ha recentemente indagato l'aura mitico-religiosa che ormai emana dalle immaginette-icone-santini del naturalista inglese: Darwin loves you, si legge sugli adesivi che circolano negli Stati Uniti, come a supplire la crisi delle confessioni religiose più consolidate. Lo stesso Levine ha rilanciato anche il valore letterario e culturale tout-court che rivestono oggi i capolavori darwiniani, pur concepiti per il panorama letterario e scientifico del secondo Ottocento. 

La curiosità per la scrittura darwiniana non sembra quindi provenire all'autore de Il letterato Darwin dalla necessità di aggiungere un altro tassello al fin troppo ricco contrapporsi di schieramenti pro o anti Darwin. Si evidenzia, piuttosto, la volontà di tratteggiare — con gli strumenti interpretativi della storia culturale e della stilistica — i lineamenti del rinnovato interesse per un Darwin non tanto apostolo di una nuova religione della scienza, quanto padre di una tradizione del dialogo fra culture, umanistiche e scientifiche. Un dialogo che, tra l'altro, potrebbe riuscire oggi quanto mai fecondo, visti gli esiti insoddisfacenti della ormai obsoleta divisione fra le «due culture»

Evidentemente, la curiosità non poteva che condurre Stefano Bertani, di formazione storica e letteraria, a cercare di comprendere lo stile di quell'incomparabile scrittore di best sellers internazionali che fu appunto l'umanista Darwin, per provare a comprendere l'intima unione che in quelle opere ancora permane fra esattezza scientifica e fedeltà dei linguaggi umanistico-letterari. 



  PAG. SUCC. >