BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Derrida, cosa c'è scritto nel "notes magico" di Freud?

Pubblicazione:

Sigmund Freud (1856-1939) (Immagine dal web)  Sigmund Freud (1856-1939) (Immagine dal web)

Il legame tra psicoanalisi e filosofia, nonostante le burrasche che ne scandiscono la storia, manifesta senza alcun dubbio la fecondità dell'incontro tra differenti saperi che solo quando non temono la contaminazione possono aiutare l'uomo a comprendere più a fondo la sua ricerca di senso. Nell'epoca della frammentazione e dell'autoreferenzialità di discipline maggiormente preoccupate di difendere gli esiti conseguiti piuttosto che aprirli a quanto prodotto in altri ambiti, non si può che accogliere ed apprezzare chiunque abbia considerato o consideri i pur legittimi confini tra le regioni del sapere non come barriere o insuperabili muri, ma come soglie, frontiere, dogane che permettono ingressi e favoriscono scambi.

L'opera di Jacques Derrida mostra fin dagli esordi la presenza di istanze e domande provenienti dai territori della psicoanalisi e si può anzi affermare con relativa certezza che, oltre ai testi espressamente dedicati a Freud, non c'è testo di Derrida in cui non compaia almeno un riferimento al fondatore della psicoanalisi. Ricostruire l'intera storia del rapporto tra il filosofo algerino e la psicoanalisi (Freud, anzitutto, ma anche Nicolas Abraham e Maria Torok e, soprattutto, il problematico legame con Jacques Lacan) è un compito che attende ancora di essere svolto, ma alcune intuizioni presenti nelle prime opere di Derrida verranno mantenute e, per così dire, acquisite lungo l'intero percorso intellettuale del filosofo che ha dedicato all'opera freudiana un'attenzione profonda, pari all'ascolto di filosofi come Platone o Hegel. 

Nel 1966, mentre sta elaborando il suo pensiero, Derrida pubblica su Tel Quel, la rivista parigina che ospitava le menti più brillanti dell'epoca, uno studio dal titolo Freud e la scena della scrittura che a cinquant'anni dalla prima apparizione viene ancora considerato come un punto di riferimento non soltanto per la comprensione di quella nebulosa che un po' affrettatamente si è soliti chiamare "decostruzione", ma che, più ancora, costituisce un'insuperata lezione di "metodo" rispetto ad una pratica della lettura che deriva il senso di un testo a partire dagli "effetti" che produce sul sapere piuttosto che inseguendo ricostruzioni storico-filologiche che vorrebbero risalire alla presunta intenzione dell'autore. 

Il saggio apparso su Tel Quel (a seguito del quale Roland Barthes scriverà a Derrida: «Sempre di più, cosa faremmo senza di lei?»), che faceva seguito ad una conferenza pronunciata nel mese di marzo all'Istituto di psicoanalisi di Parigi davanti a non più di venti persone, prende le mosse da due testi poco conosciuti di Freud scritti a distanza di trent'anni uno dall'altro: il Progetto di una psicologia (1895) e la Nota sul "notes magico". La lettura di Derrida mostra in che modo l'inconscio possa essere considerato come una scrittura geroglifica, non verbale e non linguistica, le cui tracce non rimandano a qualcosa che non è più presente, ma che non è mai stato presente: il testo inconscio trascrive e riproduce un senso la cui fonte è inattingibile.      



  PAG. SUCC. >