BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SINDONE/ Il mistero di quel Volto scolpito nella pietra (fotogallery)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Il volto sulla roccia (Immagine dal web)  Il volto sulla roccia (Immagine dal web)

Purtroppo è quanto si legge quasi ovunque, un'indicazione chiaramente di parte che risale a quando il comune di Borzonasca incaricò un giornalista di scrivere un libro, con l'intenzione palese di escludere il coinvolgimento dei monaci nella realizzazione dell'immagine. 

 

In effetti non esistono testimonianze di sculture rupestri risalenti al Paleolitico fatte in questo modo, cioè un ritratto frontale…

Infatti. Tutte le immagini risalenti a quelle epoche sono sempre dei volti molto stilizzati, pensiamo ad esempio alle sculture dell'Isola di Pasqua. Nel libro di cui dicevo prima, l'autore pone a dimostrazione della sua tesi una testa ritrovata in Corsica che secondo lui sarebbe analoga al volto di Zolezzi. Per prima cosa le misure sono imparagonabili, la testa trovata in Corsica è di appena quaranta centimetri e poi anche in questo caso abbiamo un ritratto stilizzato che non è assolutamente un ritratto. C'è poi un altro dato indicativo: a lungo davanti a questo volto nella roccia le popolazioni della valle si sarebbero trovate a pregare e ringraziare, una sorta di pellegrinaggio persosi nel tempo quando i monaci di Borzone vennero allontanati dalla loro Abbazia.

 

Chi ha scolpito allora quel volto?

Io, ma non solo, sosteniamo che siano stati i monaci dell'Abbazia di Borzone, intorno all'anno mille o anche prima, nel IX secolo dopo Cristo. E il volto che si vede è quello del Cristo, con un'impressionante somiglianza al il volto della Sindone.

 

Come potevano quei monaci di un posto tanto isolato conoscere il volto della Sindone? Avevano visto una copia? Si erano basati su informazioni orali dell'epoca?

Va intanto detto che la somiglianza tra i due volti è del tutto certa. Mi aveva sempre colpito la somiglianza, ma in queste ultime settimane ho provato a sovrapporre le due immagini dopo avere fatto due negativi. Ho fatto le scansioni, li ho sovrapposti e sono venuti esattamente uguali. Più osservi la scultura rupestre e più ti accorgi di cose nuove. Lo zigomo destro gonfio, ad esempio, esattamente come quello della Sindone con il gonfiore che va sopra l'occhio. Pensavo fosse un particolare non finito, invece è proprio identico all'occhio destro della Sindone. Vista la coincidenza tra il volto della Sindone e quello della sindone di pietra si può dire con quasi assoluta certezza che gli "scultori" hanno copiato il volto della sindone o la sua "fotocopia".

 

Chi non è d'accordo dice anche che il volto dà le spalle all'Abbazia, cosa che i monaci non avrebbero fatto.

Invece è giusto così. Si tratterebbe infatti di un ex voto dei monaci dopo che avevano finito l'evangelizzazione di quelle valli e il volto guarda proprio la valle dove allora e ancora oggi vive più gente che nella zona dell'abbazia.

 

Si parla di piccole sculture, piccoli volti somiglianti a quello della scultura rupestre che nei secoli scorsi gli abitanti della valle includevano sui portoni di casa. Le risulta?



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >


COMMENTI
10/06/2015 - Volti donati da Dio (claudia mazzola)

Flavio, 2 mesi un faccino sorridente da mangiare. La Sindone quel Volto nella pietra è Gesù. Queste due meraviglie mi han fatto venire in mente il salmo: gustate e vedete quanto è buono il Signore!