BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

EXPO 2015/ Boccaccio, il cibo ci unisce o ci divide?

Pubblicazione:

Lorenzetti, Allegoria del buon governo (1338-9) (Immagine dal web)  Lorenzetti, Allegoria del buon governo (1338-9) (Immagine dal web)

Il tema di Expo invita a ripercorrere il patrimonio di racconti in cui il cibo — e quindi il pranzo, il desinare — è protagonista. A me, che ho intrattenuto per anni i ragazzi leggendo un po' di letteratura, è venuto quasi spontaneo, in occasione di una lettura in una biblioteca milanese, di pensare alle novelle di Boccaccio. Perché Boccaccio? Perché è un classico, uno di quelli di cui Calvino diceva che non finiscono mai di insegnare. Rileggere i classici — non si pensi solo ai testi antichi — significa continuare a imparare, continuare ad approfondire la conoscenza di sé. 

Boccaccio vive  in un momento particolarmente acuto, un'epoca di cambiamento tra quella che si è soliti definire cultura medievale e quella mentalità nuova che prenderà il nome di umanesimo. Un'epoca di passaggio, di crisi delle istituzioni antiche e di nascita di nuove, un autunno, come lo diceva Huizinga, in cui prende avvio il mondo moderno. Don Luigi Giussani in un suo libro sulla Chiesa lo esplicita bene: "possiamo collocare l'inizio di un processo di disarticolazione della mentalità religiosa, capace di porre adeguatamente il problema religioso, nel corso del secolo XIV. […] Molti sono i motivi, si potrebbe dire che in un clima di maggiore benessere viene favorita  un'aria di disimpegno con la globalità e l'incarnazione di quei valori ideali che pure teoricamente si trattengono". 

Taluni intellettuali del tempo mostrano una ferita: da una parte il riconoscimento ancora chiaro, ma solo teorico, di una certa visione dell'uomo e di un certo senso morale, dall'altra un sentimento globale del vivere — dice ancora don Giussani — "che si pone come fluttuante, per proprio conto, disarticolato dalla teoria". L'uomo — e Boccaccio è grande pittore di ciò — pertanto si trova ad essere disarticolato in una molteplicità di ideali; alla sintesi si sostituisce una parzialità, che alla lunga — e lo abbiamo visto nello svolgersi di questi secoli e ancor più nella coscienza dell'uomo moderno — non esaurisce desiderio più profondo dell'uomo. Non era certo un mondo, quello che nasceva nel Trecento, contro Dio, ma innestava quel processo di separazione da Dio che man mano si è verificato nel corso dei secoli. Dio non ha a che fare con gli interessi della vita e quindi risulta, almeno socialmente, inincidente. 

Il Decameron è un libro molto complesso ed è interessante proprio perché testimonia ciò a cui ho accennato. Il libro nasce con una cornice che inquadra le cento novelle ripartite in dieci giornate, narrate a turno da dieci ragazzi scappati dalla città per sfuggire la peste, l'orrore del male. Le novelle raccontano la società mercantile, quella in cui il negozio, il denaro segnano in certo modo i confini del reale.



  PAG. SUCC. >