BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GUARESCHI/ Il caso da riaprire per sapere la verità su Mussolini-Churchill

Pubblicazione:

(InfoPhoto)  (InfoPhoto)

Il libro di Giuliani-Balestrino contesta la sentenza di condanna di Guareschi, la quale non tenne conto del fatto che De Gasperi, informato nel 1952 del contenuto del dossier De Toma finito nelle mani dell'editore Rizzoli, non aveva sentito il dovere di smentire ufficialmente, con un comunicato-stampa all'Ansa, di essere l'autore delle due compromettenti missive. Ma c'è dell'altro. De Gasperi giurò come teste, in tribunale, che si era disinteressato del carteggio giudicandolo assurdo e incredibile.

Mentre invece — come ricostruisce nel dettaglio Giuliani-Balestrino — aveva mandato il suo segretario Canali all'ambasciata britannica a Roma per chiedere appoggio nella causa contro Guareschi, e in seguito lo stesso Canali si era recato a Londra per contattare personalmente sia il colonnello Bonham Carter, sia lo tesso Winston Churchill, onde avere il loro totale appoggio in cambio, evidentemente, dei documenti del carteggio De Toma relativi ai rapporti segreti Mussolini-Churchill che stavano evidentemente molto a cuore allo statista inglese. Sulla base di questi elementi, Giuliani-Balestrino formula la richiesta, al Procuratore Generale presso la Corte d'Appello di Milano (per competenza territoriale), di riaprire il caso Guareschi per giungere alla revisione di quella iniqua condanna che confinò il grande giornalista per oltre un anno in carcere.

La revisione del processo che condannò Guareschi renderebbe possibile ricercare serenamente la verità storica sul carteggio Mussolini-Churchill. E sarebbe un risultato di forte impatto.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
22/07/2015 - C'è anche un caso da chiudere (credo) (Giuseppe Crippa)

Da tempo non si hanno notizie sul processo di beatificazione dell’on. Alcide de Gasperi, aperto anni fa nella diocesi di Trento. Non so se queste ulteriori scoperte ne causeranno il definitivo abbandono. Dico solo che se volessi pregare un futuro santo, mi rivolgerei prima a Giovannino Guareschi.

 
22/07/2015 - commento (francesco taddei)

de gasperi fu un uomo e un politico. fece cose buone ed errori. ma tutti i discendenti democristiani, compreso qualche vescovo tendono a mitizzarlo come un santo infallibile. per favore basta con questi mammasantissima (vedi pure l'oscuro e sinistro berlinguer) supremi custodi da ossequiare e venerare. anche loro hanno le loro colpe e dopo quasi un secolo non poterne ancora parlare con spirito critico è ridicolo.