BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ENCICLICA LAUDATO SI'/ Papa Francesco, con Benedetto XVI e oltre

Pubblicazione:

Papa Francesco (Infophoto)  Papa Francesco (Infophoto)

Francesco inverte di fatto questa impostazione metodologica della "moderna" dottrina sociale della Chiesa: egli parte dalla considerazione che le strutture non bastano, e mira esclusivamente al cambiamento dei cuori. In realtà, con questa affermazione riprende lo spirito della Caritas in veritate di Benedetto XVI, portandolo alle sue ultime conseguenze. Ma mentre l'enciclica di Benedetto XVI individuava ancora delle direttive per un ordinamento "giusto", l'enciclica di Francesco vede in ogni sistema sociale il pericolo di indirizzare l'uomo verso se stesso, e di impedire quindi la sua ricomprensione nel creato e il suo orientamento, insieme al creato, verso Dio (LS 83).

Per tale motivo, l'enciclica finisce con un appello morale e con due preghiere. Mentre le due preghiere simboleggiano il respiro ecumenico dell'enciclica, l'appello morale viene concretizzato, attraverso tutta l'enciclica, tramite una serie di buoni consigli su come realizzare l'auspicato cambiamento di atteggiamento nella vita quotidiana, per trovare in una condotta più austera le dimensioni interiori della vita e per realizzare in maniera concreta l'ecologia integrale (LS 11). E' questo l'aspetto più anti-ideologico di questa enciclica, con cui Francesco si inserisce nel appello della dottrina sociale della Chiesa, che a tutte le ideologie "rivoluzionarie" contrappone la forza spirituale del "cambiamento": ogni radicalismo ecologico e ogni allarmismo ambientalista, in questo senso, sono ideologie "rivoluzionarie", contro cui Francesco giustifica moralmente delle momentanee «soluzioni transitorie» (LS 165), ed evoca una nuova leadership morale (LS 53).



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.