BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Francesco di Sales e Giovanna di Chantal, quel legame che la morte non può sciogliere

Pubblicazione:

Don Luigi Giussani in gita nelle Dolomiti (Immagine dal web)  Don Luigi Giussani in gita nelle Dolomiti (Immagine dal web)

"Avrò cura della mia salute quanto mi sarà possibile per amore di me stesso, e anche per amore di voi che così volete e che parteciperete a tutto quello che si farà di buono, come partecipate abitualmente a tutto quello che si fa in questa diocesi in quanto io ho, per la mia posizione, il potere di farvene parte" (97).

"Gesù è nostro: che i nostri cuori siano sempre suoi. Egli mi ha reso e mi rende ogni giorno di più, mi pare, o almeno, mi rende sempre più sensibilmente, sempre più soavemente del tutto, in tutto e senza riserve, unicamente, inviolabilmente vostro, ma vostro in Lui e per Lui" (102).

"Io provo una soavità straordinaria per l'amore che vi porto, e amo questo amore in un modo incomparabile. Esso è forte, ampio, senza misura né riserva, ma dolce, facile, purissimo e tranquillissimo; in una parola, se non m'inganno, è un amore che vive solo di Dio. Perché dunque non lo dovrei amare?" (103).

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.