BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Misericordia e liturgia, la lezione al "Corriere" del curato d'Ars

Pubblicazione:

Caravaggio, Vocazione di san Matteo (particolare)  Caravaggio, Vocazione di san Matteo (particolare)

Ciò è ben chiaro a papa Francesco, che ha più volte messo in guardia la Chiesa dal trasformarsi in una ong. Non sarebbe interessante neanche per il mondo, che ha già le sue ong buone, operative ed efficaci.

«Quando sono caritatevole è solo Gesù che agisce in me»: è una frase di santa Teresina che descrive meglio di tante parole la misericordia cristiana. E la definisce in maniera stupenda. Altra, invece, è la misericordia fondata appunto su valori umanitari.

La frase di Teresina va presa alla lettera: o la misericordia cristiana, la carità per definirla in altro modo, vive dell’iniziativa del Signore e a essa resta sospesa, oppure anche le opere di misericordia spirituali e corporali realizzate dai fedeli risultano semplice dedizione umana. Perdono quella bellezza caratteristica del sovrannaturale che può renderle stupende anche agli occhi dei non cristiani.

Non si tratta, all’altro estremo, di contrapporre le opere buone laiche a quelle cristiane, ma di ricercare (e rallegrarsene) quella nascosta armonia che reca sollievo al mondo. Un’armonia non si dà nella omogeneità degli strumenti e degli accordi, ma vive di diversità.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.