BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

JOSE' ALFREDO JIMENEZ/ Il Doodle di Google per il cantautore messicano (Oggi, 19 gennaio 2016)

José Alfredo Jiménez, il Doodle per il cantautore messicano. Google celebra oggi l'artista con un Doodle per il 90esimo anniversario dalla nascita

Il Google Doodle Il Google Doodle

Si celebra oggi l'anniversario della nascita di José Alfredo Jiménez, il compositore e cantautore messicano nato a Dolores Hidalgo il 19 gennaio 1926 e morto a Città del Messico il 23 novembre 1973. In Costa Rica, El Salvador, Guatemala, Honduras, Mexico, Nicaragua Google gli dedica il doodle. José Alfredo Jiménez, si legge nella biografia su Wikipedia, è considerato il miglior compositore messicano di musica ranchera di tutti i tempi, è uno dei più famosi cantautori messicani del XX secolo ed il più interpretato fino ad oggi; ha composto un’enorme quantità di canzoni (più di mille): principalmente rancheras, huapangos e corridos. Figlio di Agustín Jiménez Aguilar e di Carmen Sandoval, nacque a Dolores Hidalgo, nello stato messicano di Guanajuato, dove trascorse i suoi primi anni di vita. Nel 1936, alla morte del padre, che era proprietario di una farmacia, si trasferì a Città del Messico con la madre e i tre fratelli, Concepción, Víctor e Ignacio. Già da adolescente iniziò a comporre le sue prime canzoni. La madre di José Alfredo, Carmen, aprì un piccolo negozio, ma non ebbe una buona riuscita e lui dovette quindi contribuire all’economia familiare impegnandosi in svariate occupazioni, tra cui quella di cameriere; fu anche giocatore di calcio. Grazie alle sue canzoni divenne un’icona della cultura popolare in Messico. Non ebbe un’educazione musicale e non sapeve suonare nessuno strumento, non conosceva neppure i termini “valzer” o “tonalità”. Associare la produzione di José Alfredo Jiménez con l’alcol e le ubriacature è inevitabile: era un bevitore. Un romanticismo permissivo aleggiava negli anni cinquanta e la gente accettava la trasgressione da parte dei suoi idoli. Le canzoni di de José Alfredo sono esplicite: la pena amorosa trova un rifugio diretto nel bicchiere di tequila, o in tutta la bottiglia se necessario.

© Riproduzione Riservata.