BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Premio Nobel Letteratura 2016 / Dylan abbatte un muro, ma quanti perdenti: da Tolstoj a Guareschi

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Giovannino Guareschi (1908-1968)  Giovannino Guareschi (1908-1968)

Nel 1964 Stoccolma affrontò un caso finora unico di "non-Nobel": il rifiuto dell'assegnazione da parte del maître à penser parigino Jean Paul Sartre (nel 1958 Mosca aveva vietato a Pasternak di ritirarlo). Quell'anno entrarono in lizza per la prima volta Moravia e Ungaretti. Due "nominati" che sono andati a ingrossare le fila ufficiali dei "non-Nobel" italiani. Ne fanno parte, fra altri, il misterioso saggista Giacomo Stampa (nel 1901), il glottologo Angelo de Gubernatis, il filologo Francesco D'Ovidio, Edmondo De Amicis, il poligrafo sardo Salvatore Farina (l'isola fece invece centro con Grazia Deledda nel 1927), la poetessa lombarda Ada Negri, la giornalista Matilde Serao e il commediografo Cesare Pascarella, entrambi napoletani (negli anni 80 del secolo scorso è stato sicuramente candidato Eduardo De Filippo).

Luigi Pirandello vinse nel 1934 al primo tentativo: su indicazione secca di Guglielmo Marconi, Nobel per la fisica 1909, presidente dell'Accademia d'Italia, noto allora nel mondo come oggi un Bill Gates. Ungaretti fu amareggiato quando nel 1959 Stoccolma premiò Salvatore Quasimodo: ma le carte Nobel dicono che il poeta siciliano aveva avuto più nomination. Eugenio Montale fu poi "risarcito" ma dovette attendere fino al 1976. Dopo Pirandello, non è stato premiato più nessun romanziere italiano (Riccardo Bacchelli è stato più volte candidato, non si sa ancora se Calvino lo è stato dopo il 1965). Nel 1997 Dario Fo, sesto e finora ultimo Nobel italiano per la letteratura - mancato proprio oggi - è stato insignito come "erede dei giullari medioevali". Tra qualche anno si avrà conferma ufficiale che Umberto Eco è stato candidato: così come il germanista Claudio Magris e (dicono) Dacia Maraini, a lungo compagna di Moravia. Dall'anno scorso il giallo sull'identità di "Elena Ferrante" si nutre anche di voci di candidatura in Svezia.

Oggi alle 13 sarà annunciato il 109esimo Nobel per la letteratura. Ma chissà se uno dei nominee battuti sarà degno di entrare nell'albo d'oro dei non-Nobel.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
13/10/2016 - Non è (più, e da tempo) un premio serio (Giuseppe Crippa)

Dopo la lettura di questo bellissimo articolo di Quaglio sono quasi tentato di riconsiderare, seppure in piccolissima parte, il giudizio totalmente negativo e la disistima verso il Premio Nobel che nutro convintamente da quando fu assegnato, per la Pace(!), a tale B. Obama.