BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAPA/ Dalla Germania, i luterani: "è un conservatore", ma "fa sperare tutti i cristiani"

Pubblicazione:

Lucas Cranach, Martin Luther (1528)  Lucas Cranach, Martin Luther (1528)

Haska e sua moglie Charis, che ha scritto due libri sulla loro esperienza a Kiev, sono grati al papa per le sue parole sulla crisi ucraina. Michael Greßler, pastore in Sassonia-Anhalt che non ha per motivi di impegni di lavoro partecipato a questo dialogo, pensa — al pari di Heinrich Bedford Strohm, responsabile del Consiglio della Chiesa evangelica in Germania — che nel modo di vivere l'accoglienza dei più poveri del mondo papa Francesco è una grande speranza per tutti i cristiani. E che si può vedere in lui un'evoluzione della posizione cattolica. 

Come commentare quanto emerso in questo dialogo? Dice Giovanni: "perché tutti siano una cosa sola. Come tu Padre sei in me ed io in te, siano anche essi in noi una cosa sola, perché il mondo creda che tu mi hai mandato" (17,21). Visto che è non è possibile che la preghiera solenne di Cristo non sia stata esaudita dal Padre, credo fermamente che nel cuore trinitario di Cristo la "Catholica", come la chiamava von Balthasar, sia ancora in unità, anche se nella storia concreta delle Chiese, per una certa prudenza, non sia possibile forse raggiungere nulla di più che la già citata "diversità riconciliata". 

 

(1 - continua)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
21/10/2016 - Commento (francesco taddei)

Francesco è stato eletto per fare la special guest e ci riesce benissimo. Chi tira le fila della chiesa sono dei cardinali che non credono più.