BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Simon Pietro, duemila anni fondati sulla roccia

Pubblicazione:

Vero ritratto di San Pietro (cit.)  Vero ritratto di San Pietro (cit.)

E' un contributo prezioso quello che don Piero Re offre al lettore con il suo Simon Pietro, uomo roccia su cui Cristo fonda la sua Chiesa, scritto in collaborazione con suor Maria Gloria Riva e introdotto da mons. Massimo Camisasca.

Oltre alla presentazione della figura di Pietro che risulta dai Vangeli, dagli Atti degli Apostoli e dalla sue Lettere, l'opera ripercorre la storia del primato petrino che si dipana nei venti secoli della cristianità, a partire dalla testimonianza unanime dei primi tre secoli, confermata dalla dottrina alla quale giunse il secolo successivo. Ma esso fu insidiato dal cesaro-papismo, al quale si oppose papa Gelasio, alla fine del V secolo, con la celebre formula "auctoritas sacrata pontificum et potestas regalis", con la quale si giungeva a distinguere con chiarezza il potere politico da quello religioso. Mentre le chiese orientali si indirizzano verso una collaborazione sempre più stretta con l'impero, l'Occidente vede lungo i secoli una posizione più variegata. Dapprima il papato quasi sostituisce l'autorità civile nei secoli più bui, poi si susseguono continui tentativi di riforma per assicurare alla Chiesa piena libertà dal potere politico. La crisi della Riforma di Lutero pone la Chiesa romana nella condizione di riaffermare con forza il primato di Pietro contro le spinte autonomistiche della Chiese nazionali. 

L'analisi storica giunge così all'Ottocento, quando il Concilio Vaticano I definì l'infallibilità del Papa in materia di fede e di morale. Nel Novecento il Concilio Vaticano II aprì una fase di travaglio ecclesiale, del quale don Re ricostruisce i protagonisti proprio a partire dalle discussioni circa il primato petrino. Questa seconda parte permette la conoscenza sintetica della storia della Chiesa in Occidente, attraverso le innumerevoli discussioni sulla funzione del successore di Pietro, quale garante dell'unità della Chiesa.

La sezione seguente del libro di don Re si sofferma sugli ultimi pontefici, denominati "i magnifici cinque": Giovanni XIII, Paolo VI, al cui contributo nei riguardi del Concilio e della tensione ecumenica è dedicata un'ampia ricognizione, san Giovanni Paolo II, che ne ha proseguito e sviluppato l'opera, arricchendola con viaggi apostolici in ogni parte del mondo, Benedetto XVI, a lungo collaboratore di papa Wojtyla, continuatore della sua visione della Chiesa, assertore della necessità della fede amica della ragione, e infine l'attuale pontefice Francesco, "venuto quasi dalla fine del mondo".

Infine l'autore raccoglie le sue considerazioni storiche in un capitolo di carattere più sintetico sul primato di Pietro fondato sulla tradizione della Chiesa primitiva, sulla sua elaborazione nello sviluppo dei dogmi, sul rapporto tra il primato e la sinodalità, sull'unità della Chiesa. 



  PAG. SUCC. >