BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ "I Medici", il gossip del '400 (non) fa la storia

Pubblicazione:

Dalla serie tv "I Medici"  Dalla serie tv "I Medici"

Si potrà pure eccepire sull'attendibilità storica de I Medici (Medici: Masters of Florence, regia di Sergio Mimica-Gezzan), serie televisiva andata in onda nelle settimane scorse, e si potrà pure sostenere che può aver dato adito a grandi confusioni sul piano storico e si potrà pure concedere che fosse più vicina ad una telenovela medievale che non alla ricostruzione di una storia fatta di cinismo, intrighi, congiure, metodi brutali. Però tutte queste critiche dicono poco rispetto al fatto che I Medici hanno "bucato" lo schermo: e non nel senso che le tre puntate hanno avuto uno share di oltre sei milioni di spettatori a puntata, quanto perché regista e produzione sono riusciti a far percepire alla massa la suggestione di una storia che, se ben raccontata, affascina. Chi dice che il passato fa meno presa sull'animo umano del presente o del futuro? Tutto sta nel "come" lo si racconta e lo si fa rivivere: si parte dal dato storico e poi, zacchete, si fanno le debite concessioni all'arte del  romanzare, un po' di sesso et voilà, ecco il prodotto. 

La serie ha rappresentato l'anima cristiana dell'epoca capace di concepire Dio per quello che  è, "orizzonte totalizzante di ogni umana azione": quando Dustin Hoffman, alias Giovanni di Bicci (1360-1429), il capostipite dei Medici, afferma a proposito di Santa Maria del Fiore che "Ogni umana conquista è una gloria di Dio", è una riprova del fatto che gli uomini di quel tempo pensavano sé stessi come creature e Dio come destino di vita e di bellezza. Altri passaggi: il perdono, l'esser capaci di omicidio, seminare figli illegittimi… allora anche le miserie erano cristiane. Luce, fotografia, dialoghi esterni, tutto di ottima fattura. Poi bravi gli attori e belle le donne, forse più per la consumata arte del regista che non nella realtà, come nel caso di Annabel Scholey, Contessina; Richard Madden, il nostro Cosimo, non era così bello: naso aquilino, magro, di colorito olivastro, di carattere spesso cupo, non sapeva parlare in pubblico, aveva però eleganza e modi affabili. E anche la figura di Giovanni di Bicci, presentato come uomo senza scrupoli, non corrisponde alla storia. Giusto invece avergli riconosciuto l'arte della prudenza e del saper "attendere". Sarà proprio questo carattere, ereditato dal padre, che permetterà a Cosimo (1389-1464) di uscire vittorioso nella lotta contro gli Albizi per il predominio della Signoria. 

Da questo episodio pure Machiavelli ne trarrà una lezione di politica: "E' meglio temporeggiarle le cose che oppugnarle. Perché temporeggiandole o per loro medesime si spengono o almeno il male si differisce in più lungo tempo". Ma sarà sempre un tratto caratteristico dei Medici, la prudenza. E' così vero che il simbolo del granduca Cosimo I (1519-1574), forse il più grande dei Medici, era una tartaruga e il motto "festina lente", un ossimoro, che significa agire con decisione e con cautela.  



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
18/11/2016 - i fiorini (roberto castenetto)

Eppure sarebbe bastato vedere nel trailer i fiorini d'oro appoggiati sugli occhi di Giovanni Medici defunto per capire che si trattava del solito sceneggiato all'italiana: con tanta bella gente, più o meno ignuda (ormai un libro, un film o una rappresentazione teatrale non sono accettati dal sistema culturale imperante se non hanno abbondanti e gratuite scene di sesso), ma senza senso storico e tensione morale.