BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Quel Sì e quel No (all'altro) che ora dividono anche gli Usa

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Mike Pence (a destra) con Donald Trump (LaPresse)  Mike Pence (a destra) con Donald Trump (LaPresse)

Uno dei vantaggi della copia digitale di un articolo del New York Times, come quello di domenica scorsa, 19 novembre 2016, sulla presenza del prossimo vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, fra il pubblico di "Hamilton", il popolarissimo Broadway musicale a New York, è che ci sono anche gli inserti video. 

In questa breve registrazione si vede l'attore afro-americano Brandon Victor Dixon, il cui ruolo è quello del vicepresidente Aaron Burr, uno dei bianchissimi fondatori della patria, il quale alla fine della performance chiede al futuro e vero vicepresidente di rimanere ed ascoltare le parole che lui leggerà dopo aver tratto fuori da una tasca del suo costume settecentesco un foglio.

Un altro ancor più breve video ci mostra Pence quando entra in teatro e si ritrova fra gli applausi e anche i fischi degli spettatori. Alla fine il vice rimarrà poi fuori dalla vista del pubblico per ascoltare la lettura. Non lo vediamo più in alcun video, probabilmente blindato e corazzato dai suoi body guards. Solo un sorriso sarà il suo commento, ci dicono. Mentre su Twitter si scatenerà Trump definendo il gesto degli attori "harassment" e maleducazione, ed esigendo le loro scuse.

Sono tornati gli anni dell'attivismo individuale e di gruppo, delle dimostrazioni di massa (marcia su Washington delle donne in preparazione per gennaio, una protesta civile che non può non farci ricordare quella storica di Martin Luther King, Jr., le cui parole risuonano nell'eco del tempo: "We have a dream…" ma ci si domanda ora quali e come saranno le parole di quest'altra marcia su Washington, in questa nuova epoca così risentita, perché di sognare non sembra che nessuno ne abbia più voglia). 

Questa nazione si risveglia? Si ribella? Qualcuno dirà di sì, ma solo nella East e nella West Coast, qualcun altro aggiungerà, perché metà della popolazione ha votato Trump. Ci scordiamo forse che la metà più vocale e più agguerrita si è sempre manifestata sulle coste dei due oceani, in questo paese sterminato in cui gli stati che la comprendono non sono solo tanti e disseminati dai chilometri ma sono come piccole nazioni separate, e sono così da quando si cominciò a scrivere la storia degli Stati che si vollero Uniti. Non sorprende, chi conosce questa nazione dell'America del Nord, capire le difficoltà dell'Europa che si vuole Unione oggi.

Ma è il grande teatro statunitense ormai lo scenario preferito dei media globali e del suo pubblico. Il teatro dentro il teatro dello scorso venerdì dopo la conclusione dell'operetta è simbolicamente interessante perché la novità di questo musical è che gli attori che rappresentano i padri fondatori (Alexander Hamilton, George Washington, Thomas Jefferson e altri) sono neri o ispanici.



  PAG. SUCC. >