BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NELLE HARPER LEE/ Il buio oltre la siepe e il "guaio" di essere attuale

Pubblicazione:

Nelle Harper Lee con il presidente americano George W. Bush (Foto Wikipedia)  Nelle Harper Lee con il presidente americano George W. Bush (Foto Wikipedia)

Solo grazie alla generosità di una coppia di amici riesce a prendersi un anno per scrivere senza sosta su una scrivania ricavata da una porta. Come Scout anche Nelle torna nella sua città natale in Alabama per scoprire forse il disincanto adulto e scriverne in Go set a watchman, il manoscritto consegnato all'editore nel 1957 che non vedrà la luce se non tagliato e rimaneggiato con un focus sul personaggio di Scout e la sua visione idealistica, con il titolo di To kill a mockingbird.

Certo non sapremo mai, grazie alla riservatezza che le era valso il soprannome di Greta Garbo della letteratura, quanto Nelle fosse rimasta delusa da un altro grande della letteratura americana, Truman Persons (poi Capote), prima di tutto suo vicino di casa e compagno di scorribande, utilizzato per delineare il personaggio di Dill, il ragazzino biondo e affabulatore. Capote risente dell'inaspettato successo dell'amica nel territorio creativo che condividevano. Dopo aver passato con lei gli anni dell'infanzia e dell'adolescenza ad arrampicarsi sugli alberi e a dettarsi a vicenda i racconti giovanili, scrivendo su una vecchia macchina da scrivere donata dal padre di Nelle, i rapporti si raffreddano. Quando Capote le propone di unirsi a lui nelle indagini giornalistiche di un fatto di cronaca in Kansas, che poi diventeranno In cold blood (1966), forse pensava di portarsi dietro una semplice segretaria. Nelle accetta entusiasta e per mesi lo affianca diligentemente nelle interviste alla polizia locale e agli abitanti della piccola comunità ancora sconvolta per l'omicidio di un'intera famiglia. Grazie alla sua intraprendenza e al suo pragmatismo, riesce dove Capote fallisce a causa dei suoi modi vistosamente effeminati, poco compresi dai locali. Con disciplina ogni sera annota i dettagli emersi dalle interviste e, dopo, fornisce utili commenti al manoscritto, aiutando Capote (già annebbiato dall'alcool) a ricomporre il puzzle in un racconto avvincente per il pubblico, che gli reca un certo successo. Capote non riconobbe mai il vero valore di Nelle nella stesura del libro. Nelle comprese il peso dell'invidia tra bianchi.

Il buio oltre la siepe ha venduto oltre quaranta milioni di copie, è stato tradotto in più di quaranta lingue e, dal 1988, utilizzato almeno nel 74 per cento delle scuole secondarie del paese, secondo il Council of Teachers of English. Oltre al Premio Pulitzer, a Nelle Harper Lee è valso la Presidential Medal of Freedom (2007) e la National Medal of Arts (2010).

Rimane un libro di profonda attualità sul razzismo e i pregiudizi sugli "altri" ancora oggi che la polizia spara sui neri disarmati non più o non solo nel sud del paese ma in città come Chicago.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.