BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ La Misericordia che cercava Lutero è quella di Francesco

Pubblicazione:

Wolfgang Schäuble (Infophoto)  Wolfgang Schäuble (Infophoto)

La Faz ha ragione però a dire che la Chiesa evangelica luterana in Germania rappresenta una posizione politica su temi come il pacifismo e la critica all'ingegneria genetica, che sono riconducibili a partiti come "Die Linke" (La Sinistra), i quali hanno anche grande simpatia per alcune posizioni di papa Francesco, o quelle dei verdi tedeschi. 

Mi sembra che queste posizioni luterane in realtà debbano tenere conto della prima parte della critica di Schäuble: posizioni politiche che non scaturiscono da un centro spirituale e teologico sono insipide. Non credo però, o per lo meno bisognerebbe specificarlo più precisamente, che esse possano essere accusate di mancanza di rispetto per chi la pensa diversamene o, addirittura, di soggezione al potere. La posizione dell'ex presidente del consiglio luterano tedesco, la donna vescovo Margot Käßmann, per la quale la Germania dovrebbe rinunciare ad ogni azione militare come il Costa Rica è senz'altro ingenua, ma non è paragonabile alla posizione di chi sotto la dittatura di Hitler non ha fatto opposizione al regime. 

Molto problematica mi sembra poi la possibile conseguenza di una lettura superficiale di un tale articolo e cioè la riduzione di Lutero alle sue posizioni politiche, certamente molto discutibili. Cinquecento anni dopo la Riforma mi piacerebbe piuttosto riflettere sulla missione ecclesiale di Martin Lutero la quale, non compresa nel suo nocciolo teologico ultimo, non solo per colpa sua ha portato ad una ulteriore rottura della Chiesa, dopo quella tra oriente o occidente. La domanda di Lutero è: basta Cristo per la mia salvezza? La risposta luterana si articola nelle tre voci note: solus Christussola fidessola scriptura. Letto con attenzione, il saggio di Schäuble potrebbe forse però portare a riflettere proprio su questi punti. Cosa è per me davvero importante come cristiano, cosa ritengo che possa salvarmi? Il confronto con questi tre "solus" permetterebbe certamente un confronto con la figura di Martin Lutero con una chiara dimensione ecumenica. 

Nel suo viaggio in Germania del settembre del 2011 papa Benedetto XVI ha saputo esprimere ciò che realmente conta nella missione ecclesiale di Lutero: "Ciò che non gli dava pace era la questione su Dio, che fu la passione profonda e la molla della sua vita e dell'intero suo cammino. 'Come posso avere un Dio misericordioso?': questa domanda gli penetrava nel cuore e stava dietro ogni sua ricerca teologica e ogni lotta interiore. Per Lutero la teologia non era una questione accademica, ma la lotta interiore con se stesso, e questa, poi, era una lotta riguardo a Dio e con Dio. 'Come posso avere un Dio misericordioso?'. Che questa domanda sia stata la forza motrice di tutto il suo cammino mi colpisce sempre nuovamente nel cuore" (Incontro con i rappresentanti del consiglio della Chiesa evangelica in Germania, Erfurt 23 settembre 2011). 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >