BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Sacks, il neurologo geniale con la passione di raccontare storie

Pubblicazione:

Oliver Sacks (1933-2015) (Foto dal web)  Oliver Sacks (1933-2015) (Foto dal web)

C'è un passo illuminante di In movimento, l'autobiografia di Oliver Sacks (1933-2015): dopo il trasferimento a New York, durante le sue esplorazioni della campagna intorno alla metropoli, Sacks trova un simpatico albergo: presto, le sue soste nell'hotel si fanno periodiche e "il dottore" diventa una presenza familiare per gli abitanti del borgo. In particolare, Sacks diventa un habitué del vecchio bar: "Svolgevo gran parte del mio lavoro di scrittura in una nicchia adiacente al bar, dove potevo starmene da solo, in disparte, invisibile — e tuttavia riscaldato e stimolato dall'intensa vita del bar" (p. 240). Questa situazione mi sembra un'ottima metafora per definire il lavoro dello scrittore, che, essendo colui che per definizione osserva, descrive, racconta, sta fuori dalle cose, dalle situazioni; ma, allo stesso tempo, per poterne scrivere con cognizione di causa, deve anche esserci dentro, deve cioè saper stare immerso nel flusso della vita.

È strano leggere l'autobiografia di un medico, neurologo e scrittore, che inizi soffermandosi tanto sulla passione per le motociclette. E non basta dire che queste pagine sono la naturale reazione alla sensazione angosciosa di prigionia sperimentata da Sacks bambino, quando, durante la seconda guerra mondiale, venne mandato lontano da Londra, in collegio; perché, in realtà, Sacks, scomparso poco più che ottantenne nel 2015, è sempre stato On the move, "in movimento", come recita il titolo della sua autobiografia, citazione di un amico poeta. La sua storia personale lo dimostra: figlio di due medici di religione ebraica (la madre fu un'insigne ginecologa e chirurga, una delle prime a esercitare in Inghilterra questa professione), dopo la laurea a Oxford si trasferì in California, e poi a New York. Queste oltre quattrocento pagine sono il racconto di un'irrefrenabile curiositas, che lo portò ad accumulare esperienze disparatissime, anche per sfuggire a un'irrequietudine che lo fece cadere, in gioventù, perfino in comportamenti autodistruttivi, come l'abuso di amfetamine, o la passione compulsiva per l'esercizio fisico e il sollevamento pesi.

In Italia Oliver Sacks divenne famoso con L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello, il suo più grande successo negli anni Ottanta, e, ancora di più, con Risvegli, il film tratto a inizio anni Novanta dall'omonimo libro, in cui si narrava l'esperienza di neurologo nel cronicario in cui erano ricoverati alcuni pazienti scampati alla grande epidemia di encefalite letargica, malattia che colpì migliaia e migliaia di persone nel mondo negli anni Trenta, riducendoli come dei vegetali, e cristallizzandoli in uno stato raggelato. Il film, interpretato da Robin Williams nel ruolo di Sacks, rese il medico una celebrità, ma questo non deve falsare la nostra prospettiva: a lungo egli rimase escluso — se non guardato con sospetto — dalle gerarchie accademiche. Nel 1976, per esempio, quando già aveva pubblicato i suoi primi libri, fu contattato da uno studente di medicina che gli chiedeva di poter "osservare i metodi adottati dal suo dipartimento e seguir(e)… qualsiasi eventuale corso". 



  PAG. SUCC. >