BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ISLAM/ Francesco, l'imam al-Tayyib e quel versetto (del Corano) "dimenticato"

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Ognuno si limita al suo mero compito, anche encomiabile, di servizio quotidiano, ma senza una prospettiva a medio-lungo termine e con obiettivi di comune interesse. Al solito, i peccati di omissione risultano i più devastanti. Non sarà certo l'eliminazione (come e a che prezzo?) dell'inevitabile opacità dell'agire umano a poterci salvare, ma una più decisa azione lungimirante e priva di riserve mentali. Un metodo squisitamente evangelico, che valorizza ogni particella di bene come un piccolo seme che può dar grandi frutti. Ma anche qualcosa di profondamente iscritto nella tradizione islamica, tanto avvilita dai suoi presunti esponenti che evidentemente dimenticano, o preferiscono non ascoltare, ciò che anche il Corano esprime a chiare lettere: "A ognuno di voi abbiamo assegnato una regola e una via, se Iddio avesse voluto, avrebbe fatto di voi una Comunità Unica, ma ciò non ha fatto per provarvi in quel che vi ha dato. Gareggiate dunque nelle opere buone, ché a Dio tutti tornerete, e allora Egli vi informerà di quelle cose per le quali ora siete in discordia" (5, 48).



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
25/05/2016 - ecumenismo (roberto castenetto)

Sono certamente tante le vie per arrivare al Mistero, ma una sola è la via in cui il Mistero diventa compagno dell'uomo. Altrimenti finiamo per dire, come Scalfari, che Cristo è un'articolazione dell'Unico Dio.

 
25/05/2016 - 25% (Giuseppe Crippa)

Il dato del prof. Branca circa la presenza negli oratori della provincia di Milano di un ragazzo (o ragazza) nordafricano o mediorientale su quattro non coincide con la mia esperienza ma in ogni caso il solo fatto che questi ragazzi siano presenti e non lasciati per le strade o nei parchi pubblici smentisce l’affermazione che dopo decenni non si sia ancora adeguatamente presa in carico l’occasione di vivere una comunanza di valori e scopi al servizio delle nuove generazioni. A meno che il professore non intendesse dire che dovrebbero esserci almeno il 25% di educatori islamici nei nostri oratori…