BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LETTURE/ Andrea Caterini, il battesimo delle parole

Infophoto Infophoto

Terrorizzato (p. 29) da ogni vuota gradazione estetica della letteratura, lo scrittore romano sembra voglia rispondere con questo libro alla definizione manganelliana di Letteratura come menzogna, a partire dalla simile titolazione. Caterini dunque, visualizza, vede la verticalità della letteratura, ma il suo interesse è rilevare — in ogni caso e sopra ogni parola — ciò che è citato nell'esergo betocchiano del volume: "Qui non c'è altro, non c'è terra, non c'è che anima, non c'è che lotta tra il bene e il male". 

Non si dà un'indagine sull'umano se non se ne studiano le forze contrastanti, le antinomie strutturali: non sta dritta la corda sulla quale si vuole camminare se non la si tira con la stessa forza da tutte e due le parti. Per questa ragione, lo scrittore, come Dostoevskij, cerca "il rapporto dell'uomo con Dio, dell'uomo col diavolo", fa emergere i germi della preghiera nelle parole di alcuni autori che magari cristiani non sono, o di personaggi letterari che appaiono moralmente eccepibili o blandamente dottrinali: l'Achmatova, di fronte al dolore/Calvario del figlio, non riesce a sfuggire alla tentazione di trasformarsi da Madre a Maddalena, sentendo troppo grande su di sé il peso della misericordia, l'ampio manto che sorregge la Madonna del Ghirlandaio in copertina. Gli scrittori — come Pomilio ne Il quinto evangelio — sono consapevoli che la parola, la loro parola, non satura da sola la propria possibilità veritativa: serve un quinto vangelo, uno spazio umano per sperimentare carnalmente la verità rivelata delle parole, una specie di misericordia divina ulteriore che faccia sentire e vedere che in sé "ripullula un gorgoglio / come di fango fatto preghiera" (Betocchi).

Avvicinandosi a questo libro con sincera apertura, ci si accorge che il nostro modo di leggere cerca di allinearsi al metodo del geometra (e Betocchi lo era!); è Caterini — da scrittore e critico e non da cronista della letteratura — che, come atto sacro, sacrifica e ci offre la sua esperienza di scrittura e di vita, ci porta con il suo ritmo sul sentiero già battuto dai grandi autori classici. Le ferite squarciate che ci ha fatto vedere sono le sue: il perdono, (rilievo che chiude il libro) è Caterini a implorarlo per sé, tramite la preghiera della sua letteratura.

© Riproduzione Riservata.