BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MEETING RIMINI/ Violante: 1946-2016, l'incontro con l'altro e i suoi "nemici"

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Enrico Merlinguer stringe la Mano a Aldo Moro (Foto Wikipedia)  Enrico Merlinguer stringe la Mano a Aldo Moro (Foto Wikipedia)

La grande risorsa dell'Italia repubblicana sono state tutte le persone che si sono assunte l'onere di costruire, operare, esortare, dirigere sostenendo così la speranza di tutti. Questi "io" non si sono mossi isolatamente, ma hanno stretto legami anche con chi era diverso da loro per cultura, idealità e provenienza ed hanno così inteso la cittadinanza come partecipazione all'impegno pubblico. Il vero genio della Repubblica — al di là dei limiti e delle contraddizioni — è di aver scommesso sul fatto che l'altro, anche se diverso, è una risorsa e non un ostacolo. Ha scritto Julián Carrón "se non trova posto in noi l'esperienza elementare che l'altro è un bene, non un ostacolo per la pienezza del nostro io, nella politica, come nei rapporti umani e sociali, sarà difficile uscire dalla situazione in cui ci troviamo".
La res publica ha bisogno che i cittadini tornino a partecipare a un progetto comune. Soggetti che per povertà, solitudine, abbandono, delusione o anche per cinismo o egoismo, si sono progressivamente estraniati dalla vita comune, devono ritrovare le motivazioni per tornare protagonisti. Le classi dirigenti, invece di inseguire vecchi e nuovi populismi, devono servire la Repubblica e rianimare la società. Perché questo avvenga, non si può continuare a demonizzare chi è diverso da sé, né si possono trascurare i doveri civici come è avvenuto sempre più frequentemente negli ultimi venti anni.
La Mostra di Rimini mette in campo due idee: l'idea che l'altro è una risorsa per la democrazia e l'idea che il cittadino ha il dovere di partecipare alla vita pubblica. La civilizzazione del Paese è progredita quando questi concetti sono stati forti nell'intelligenza dei cittadini comuni e delle classi dirigenti. È accaduto all'inizio della Repubblica e deve accadere di nuovo. Forse il mainstream va in un'altra direzione, ma da quella parte ci sono solo scogli affioranti.

Corriere della Sera, 12 agosto 2016



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
13/08/2016 - L'altro è una risorsa... (giorgio alberto crotti)

Fantastico ci voleva Violante a spiegarlo, veramente un concetto cattolico! Ma sono una risorsa anche i pensionati costretti ad andare a vivere all'estero per quadrare i bilanci e i giovani schiavi che prendono 400 euro al mese per otto ore di lavoro? Ma mi faccia il piacere...!