BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Mauro Giuseppe Lepori: si vive solo per morire?

Pubblicazione:

Andrea Mantegna, Cristo morto (particolare) (1480)  Andrea Mantegna, Cristo morto (particolare) (1480)

La dialettica tra la bramosia della conquista da afferrare con le dita adunche e la "carità oblativa" del dono restituito, a piene mani, da chi a sua volta è stato l'oggetto di un amore che lo fa rinascere a nuova vita percorre molte delle meditazioni di p. Lepori. Il gioco di queste ambivalenze rimanda a uno sguardo spregiudicatamente realistico gettato sul mistero di tutto ciò che esiste. Al principio sorgivo dell'essere, dunque anche di quell'essere minuscolo e pieno di bisogno che è l'io di ciascuno di noi, non si può immaginare altro che il dinamismo della pura gratuità che crea, facendo passare dal non essere all'essere limitato e dipendente della natura creata. Noi, il mondo e la storia siamo l'espansione mai esaurita di questo ardore che trabocca continuamente fuori di sé, generando l'altro da stringere in un abbraccio di comunione. In cima alla scala delle creature, nel codice genetico dell'identità umana resta impressa l'orma indelebile di una "somiglianza" con il divino che si intreccia con il dono privilegiato della libertà: perché ciò che è plurale non si può fondere nell'unità se non volendolo liberamente. Solo che la libertà l'uomo l'ha esercitata degradandola a volontà di autonomia gelosa, nella lacerazione della disobbedienza che ha rotto il legame originario con il Principio. È andata in frantumi l'alleanza fiduciosa con il Tutto divorata dal tarlo del dubbio nei confronti della verità trasparente della realtà così come si pone.
Ma la gratuità totale, infinita, libera dalle catene dei doveri di riconoscenza e senza alcun obbligo di ritorno, la carità sfrenata del Dio-Trinità che fa sorgere le cose dal niente e accompagna la vita dell'uomo in ogni sussulto del suo respiro non poteva rinunciare a colmare lo spazio di amore lasciato aperto per ogni uomo vivente: anche nella tragedia scandalosa del rifiuto che chiude il dialogo e si piega ad adorare la divinità irrisoria di idoli incapaci di mantenersi all'altezza delle loro promesse. Che la natura profonda del Divino sia la misericordia si vede nella rivelazione che la manifesta pienamente, miracolosamente, attraverso l'incarnazione del Figlio: Lui che accetta di esporsi alla cattiveria rapinatrice dell'uomo fino alla sua espropriazione totale, fino alla passione e alla morte di croce.
La croce di Cristo è l'altro grande centro della riflessione dell'abate cistercense sul dramma umano in cui siamo coinvolti. Cristo immolato sul patibolo del Golgota è il massimo segno dell'amore che si dona all'uomo, risanandolo dal suo male ultimo: il divorzio dalla radice di cui è fatto. Le piaghe, il sangue che scorre, in primo luogo il cuore trafitto dalla lancia del soldato romano sono l'eccesso clamoroso in cui si riassume (così hanno sperimentato i mistici di ogni epoca) lo slancio di una carità che non poteva lasciarsi contraddire dallo sfregio della contestazione aggressiva dell'uomo.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >