BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Mauro Giuseppe Lepori: si vive solo per morire?

Pubblicazione:

Andrea Mantegna, Cristo morto (particolare) (1480)  Andrea Mantegna, Cristo morto (particolare) (1480)

Il costato ferito rimane aperto per sempre, e dal varco creato dalla punta dell'arma dopo che si decise di risparmiare l'integrità delle ossa del corpo di Cristo, senza spezzarle, fuoriesce quel fiume di sangue misto ad acqua in cui la tradizione cristiana, rilanciata in modo potente nel cuore delle tragedie del Novecento, ha visto la sorgente zampillante della Divina Misericordia, che lava e rigenera con la forza della vita nuova del Risorto all'opera nel mondo.
Aderire alla presenza viva di Cristo vuol dire accogliere l'invito persuasivo del suo "Seguimi!". Significa prenderlo sul serio come il paradigma in cui ci immedesima la risposta del nostro amore resuscitato, sulla strada del ritorno alla comunione con il Padre. Stare nella compagnia di Gesù porta così inevitabilmente a immettersi nel solco della sua stessa missione: far risplendere la luce e la forza attrattiva della gratuità di Dio nella testimonianza di uno sguardo nuovo, pieno di amore, di positività e di capacità di dono, sulla totalità della realtà, in ogni frammento delle circostanza della vita.
 
Mauro Giuseppe Lepori, "Si vive solo per morire?", Cantagalli 2016.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.