BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cultura

LETTURE/ Roberto Roversi, la sinistra è una prigione ma si può uscire

Un lavoro culturale politicamente scorretto quello di Roberto Roversi. Anche quando la "rivoluzione" (di sinistra) diventa omologazione e immobilismo soffocante. PAOLO VALESIO

Roberto Roversi (foto dal web)Roberto Roversi (foto dal web)

Recentemente un gruppo di poeti appartenenti a tre generazioni diverse si è riunito in un parco bolognese per ricordare il poeta (e libraio, saggista, editore) Roberto Roversi (1923-2012): pressoché unico, fra i poeti bolognesi del tardo Novecento, ad aver raggiunto un rilievo nazionale nonostante la sua decisione dagli anni Sessanta in poi di cessare i contatti con l'editoria regolare. Dopo la bella ora del ricordo (ognuno ha scelto e  letto, nella luce del crepuscolo, qualche verso di Roversi), mentre ci allontanavamo fra gli alberi, veniva da riflettere su che cosa sia poi accaduto, dalla svolta fra i due secoli fino a oggi, e non solo nell'ambiente poetico bolognese; perché, se il cliché della globalizzazione mantiene ancora un minimo di senso, l'impasse in cui si trova Bologna contiene una lezione che va oltre la poesia e riguarda (senza alcuna esagerazione) la posizione dell'intellettuale non solo su questa ma anche sull'altra sponda dell'oceano.

Roversi, oltre che come poeta e animatore intellettuale (dalla base della sua libreria antiquaria "Palmaverde", punto di riferimento culturale fin dal 1948, e che oggi è un ricordo), rappresenta qualcosa di cruciale anche perché ha fatto la guerra (specificamente, ma non è questo che soprattutto importa, la guerriglia partigiana). La distinzione non è solo biografica, è anche poetica. La scrittura dei poeti che non hanno attraversato la terribile esperienza della guerra eredita, da quelli che invece ci sono passati, il privilegio di una vitale speranza, ma al tempo stesso il dubbio di essere rimasti a fare un'opera in qualche misura attenuata; dubbio che forse i nostri nipoti potranno sciogliere, ma con il quale noi dobbiamo convivere. 

Roversi era, come tutte le forti personalità, anche un fascio di energie contrastanti. Contrasto, prima di tutto, fra ideologia e scrittura, e contrasto anche all'interno di questi due elementi: da un lato, fra la priorità etica e quella politica; e dall'altro, fra poesia polemica (al di là della logora etichetta di "poesia civile") e poesia lirica. Tutto questo costituisce forse un'impasse? Certo che no: queste sono le componenti essenziali di ogni alta opera poetica, come appunto è quella roversiana.

Il problema comincia con coloro che vengono dopo: i quali debbono — pena il conformismo e l'irrilevanza — affrontare la sfida di essere simili/diversi. Il nodo che Roversi, grazie alla sua statura morale, aveva potuto lasciare sullo sfondo, ma che poi non poteva non riemergere, era: come è possibile che uno scrittore o scrittrice (poeta, narratore, saggista, giornalista) dispieghi pienamente la sua voce pur restando in una posizione di continuità con il regime socio-politico dominante nella sua città, soprattutto una città come Bologna, sostanzialmente immutata in questo senso (a parte una parentetica eccezione che conferma la regola) da un settantennio? 

Ci eravamo un po' tutti dimenticati che la voce di uno scrittore può anche situarsi fuori dal coro, e non solo nel senso di essere più "a sinistra" della "sinistra". Di fronte a una situazione in cui la cerchia rossastra delle mura felsinee era cominciata a diventare un po' soffocante, c'è stato chi è espatriato (auto-esiliato è forse troppo drammatico), o verso il vicino (per esempio, Adriano Spatola nella provincia di Reggio Emilia) o verso il lontano, addirittura oltreoceano; e c'è stato anche chi, dall'interno della città, ha cominciato a presentare una diversa visio mundi, una visione non limitata, appunto, alla poesia. Il risultato è che si è aperta una fenditura sotterranea fra la "sinistra" (diciamo così per mancanza di un termine più adeguato) e la "destra" (contenitore in cui si tende sommariamente a riversare tutto ciò che non appartiene alla sempiterna gauche postcomunista). Di questa fenditura o faglia nessuno parla esplicitamente e forse è meglio così. Ma le conseguenze si avvertono, e vanno al di là della concorrenza fra diversi gruppi e gruppuscoli cittadini per attirare quel che resta del cosiddetto "pubblico della poesia".

Due infatti sono i miti con cui l'intellighenzia progressista cela, anche a se stessa, le realtà del ventunesimo secolo: che "gli intellettuali non esistono più" e che "non ci sono più né destra né sinistra". In entrambi i casi è vero esattamente il contrario. Per ciò che riguarda gli intellettuali, essi hanno vinto perché, in un certo senso, son divenuti invisibili (anche a costo di evitarne il nome). Diventando comunicatori e uomini dei media, gli intellettuali si sono trasformati in qualcosa di più forte della vecchia immagine della stampa come Quarto Stato. Si potrebbe dire che sono divenuti un Quinto Stato; nel senso che si trovano sostanzialmente allo stesso livello di, e in diretta competizione con, le altre strutture politiche ed economiche, per organizzare e modificare la società.

Quanto alla destra e alla sinistra, queste distinzioni rugginose purtroppo esistono ancora, e sembrano destinate a durare a lungo. Ma allora il poeta, invece di declamare contro un mitico Potere con la maiuscola, potrà adoperare quelle briciole di potere che possiede per rivolgersi davvero a tutti gli interlocutori, al di là degli steccati ideologici. La pace della poesia non ha luogo nella proverbiale torre d'avorio, ma procede dall'interno verso l'esterno. All'interno è la pace di un lavoro continuo, autocritico, silenzioso; il quale poi si allarga alla società per provvedere un minimo di respiro dentro la confusione e la contraddittorietà del mondo.

-

Giovedì 26 luglio alle ore 21 avrà luogo a Bologna, nello storico cortile dell'Archiginnasio, una lettura poetica di gruppo sul tema: "La pace della poesia".

© Riproduzione Riservata.