BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NATALE/ Cenone con 7 euro a testa

Pubblicazione:

cenone_nataleR375_23dic08.jpg

Se Confesercenti ha reso noto un sondaggio secondi cui 1,8 milioni di italiani salterà la cena della vigilia o il pranzo di Natale, perché in difficoltà economiche, secondo l’associazione dei consumatori Aduc è possibile preparare un cenone natalizio in casa, spendendo solo 7 euro a testa. Senza rinunciare a Panettone, spumante, antipasto e frutta e calcolando anche acqua, luce e gas. L’Aduc ha rilevato i prezzi nei supermercati romani, tenendo conto delle offerte. Ne è risultato un menu natalizio con le carte in regola, comprensivo di un antipasto di alici (0,4 euro a persona), cappelletti al prosciutto (0,9 euro), tacchino (0,5 euro), patate (0,14 euro), panettone (0,3 euro a fetta), mandarini (0,1 euro per 100 grammi), pane (0,22 euro per 100 grammi), condimenti (1 euro), vino (1,5 euro per 300 ml), spumante (0,84 euro per 200 ml), acqua, luce e gas (1 euro).
«Con 7 euro si può fare un cenone di Natale di discreta qualità - afferma Primo Mastrantoni, segretario dell'Aduc - il che rapportato al costo praticato dai ristoranti dà l’idea del fiume di denaro che esce dalle tasche del consumatore, a nostro dire, inutilmente».
Tuttavia, il Natale in arrivo sarà certamente più magro dell’anno scorso, come mette in evidenza la fotografia scattata dal sondaggio di Confesercenti. La spesa complessiva attesa è sui 2,5 miliardi di euro, vale a dire il 7% in meno dell’anno scorso, tagliando i costi.
Rispetto ad una media di 112 euro registrata nel 2007, quest’anno gli italiani - si legge in una nota di Confesercenti – «dichiarano di voler spendere in media attorno a 102 euro». Il 44% degli intervistati dal sondaggio non spenderà più di 75 euro, e si riduce del 2% anche la disponibilità dei più facoltosi, disposti meno del passato ad affrontare spese più consistenti, oltre i 250 euro. «Sebbene non particolarmente significativo - rileva il sondaggio Confesercenti - risulta tuttavia importante sottolineare come il 3% (1,8 milioni) dei rispondenti quest’anno non farà la cena o il pranzo perché si trova in difficoltà economica. Non si rinuncia, comunque, alla tradizione di trascorrere il Natale in famiglia e vicino alle persone care : il 92% del campione intervistato dichiara infatti che «passerà la vigilia e il 25 in famiglia, a casa».
E per chi si accinge a fare la spesa per il cenone Aduc offre alcuni consigli per stare attenti al rapporto qualità prezzo dei prodotti acquistati. Ad esempio, il tanto amato e rinomato salmone può rivelare insidie. Innanzitutto bisogna tenere presente che i fiumi della Scozia, della Norvegia o dell'Irlanda probabilmente il nostro pesce non li ha mai visti, perché è stato allevato con farine animali; quello affumicato poi non è mai passato dalla legna e relativo fumo, perché è stato siringato con un aroma al fumo (consentito dalla legge). Se proprio vogliamo il salmone affumicato col metodo classico, dobbiamo osservare le etichette e leggere «affumicato con legna», oltre che individuare il Paese di origine e le modalità di allevamento.
Altro prodotto tipico per il cenone è l'anguilla ovvero il capitone. L'Italia è il primo produttore europeo di anguille, che sono allevate intensivamente in vasche d'acqua dolce. Il capitone è l'anguilla femmina adulta, dal peso di circa un chilo, ma si vendono come capitoni le anguille di entrambi i sessi, magari anche di mezzo chilo. Perché, se il consumatore non è esperto, non coglie la differenza.
Attenzione anche ai vinelli frizzanti fatti passare come spumanti: è semplice vino bianco con aggiunta di anidride carbonica.
Che dire poi del finto caviale, cioè delle uova colorate di un comunissimo pesce? I loro sfortunati acquirenti potranno riconoscere la truffa dal colore che le uova perdono sulla tartina. La verdesca inoltre può essere venduta per pesce spada e per evitare l'imbroglio occorre non acquistare fette separate (anche se accanto c'è un bel pesce spada).
Dunque, questo Natale bisognerà fare attenzione a non lasciarsi allettare da prezzi troppo vantaggiosi a scapito della qualità: un occhio al prezzo e l’altro al prodotto.
 



© Riproduzione Riservata.