BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FRANCIA/ La nuova moda è il “drunch” della domenica

Pubblicazione:

buffetR375_15gen09.jpg

Dopo il “brunch”, dall’America ora arriva il “drunch”. La nuova moda ha attecchito a Parigi, dove il brunch è ormai cosa d’altri tempi e ci si incontra per il “drunch”, da “dinner” (cena) e “lunch” (pranzo).
E, naturalmente, i francesi dovevano apportare la loro modifica: il “drunch” è chiamato anche “slunch”, da “souper”, cioè cenare. Ci si vede a casa o in un locale tra amici la domenica, tra le 17 e le 21, in modo informale attorno ad un buffet leggero. L'idea è di stare assieme e di terminare presto la serata per essere in forma il lunedì mattina. Il vantaggio è quello di non perdere la domenica pomeriggio come avviene per il brunch, che si svolge tra le 11 e le 16.
La novità parigina non poteva lasciare indifferenti i settori degli elettrodomestici e dell’arredamento, che si sono subito ingegnati per rispondere alla domanda di prodotti per le nuove esigenze. Quindi, come ha messo in evidenza la stampa francese, hanno iniziato a circolare contenitori extra-large, piattoni o insalatiere, di ogni forma e colore, tavoli bassi da salotto abbinati a cuscinoni o puffi per i “drunch-ricevimenti”. E non poteva mancare la consegna a domicilio ad hoc per il tipo di drunch preferito, dal libanese al giapponese. Ci sono centri benessere che il week-end propongono la formula trattamento più drunch, come al Kietud: per 199 euro si può beneficiare di spa e buffet a base di pancakes, noccioline, insalate e champagne.
Ma anche l’alta cucina parigina non poteva tirarsi indietro di fronte alla nuova moda che spopola. Così molti locali e ristoranti si sono ormai adeguati e hanno aggiunto il drunch al loro menu. Il Mini-Palais, il ristorante del museo del Grand-Palais sugli Champs-Elysees, propone di 'druncher' dalle 18 alle 23 con una formula a 28 euro che include zuppe, carni fredde, dessert e bevande. È già diventato un'istituzione il drunch dell'Hotel Murano che durante la settimana organizza anche 'aperitivi-cena' di classe a ritmo di jazz o musica varia in un ambiente elegante e modaiolo. Per una vista mozzafiato su Parigi invece c'è quello del ristorante dell'Hotel Concorde Lafayette.
Ma i parigini amano anche organizzare il loro 'slunch' a casa: e in questo caso abbondano i siti internet, libri e articoli in varie riviste che offrono consigli sui piatti da preparare e le 'epicerie' dove trovare gli ingredienti e le pietanze più sorprendenti.
 



© Riproduzione Riservata.
 

COMMENTI
24/01/2009 - la moda, la moda è la chiave di lettura (maurizio candelori)

...è questa la parola magica che sta bucando la nostra società dal di dentro come un emmenthal! Qui non si tratta di adeguare o cambiare delle abitudini per nuovi impegni o impedimenti ma di rispondere alla sofferenza di sempre nell'uomo, quella della responsabilità e il rischio e la fatica nei rapporti umani; l'uomo di oggi è sempre più solo e in trincea contro tutti e tutto ma siccome il suo cuore non è diverso da quello del nostro avo di 5000 anni fa che fa? rileva la sofferenza di questa mancanza di condivisione, di fraternità e allora si attacca agli strumenti reputandoli i soli responsabili della sua insoddisfazione di fondo. Allora si getta in una corsa frenetica e patetica a inventarsi di tutto per acquietarsi, illudendosi, che questa sia la volta buona per stare meglio. Poi, chissà come mai, scopre che nulla e niente di strategico o tecnico può aiutarlo ad essere veramente uomo felice e allora testa sotto continua peggio e più freneticamente di prima... Risultato? La moda cari amici, la moda e null'altro, bisogna cambiare freneticamente per mantenere desta l'illusione che la prossima invenzione sia quella giusta perciò bisogna fare presto, sempre più presto... Sono fuori tema? sarà ma...io ci andrei a fondo su questa storia delle mode anche a tavola perchè, se ormai tutto è vecchio non appena nasce, si pensava che almeno la pasta asciutta fosse più stoica!

 
17/01/2009 - come siamo avanti... (luca casati)

A Milano, come immagino nelle maggiori città italiane, l'happy hour è un'istituzione da diversi anni e non vedo questa gran differenza...

 
16/01/2009 - MERENDA SINOIRA (Roberto Bera)

In piemonte un pasto di questo genere, da che ricordo, cioe' da almeno 40 anni, si chiama merenda sinoira (merenda che fa da cena)