BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CARTA DI CREDITO/ Gli italiani non la usano, siamo solo al 17mo posto

Pubblicazione:

Gli italiani partono per le vacanze e molti di loro per non avere troppo contante addosso fanno un grande utilizzo delle carte di credito. Ma nel nostro Paese le carte di pagamento sono ancora poco diffuse: meglio di noi infatti anche Cipro, Estonia, Malta e Slovenia. Lo rivela una ricerca di CPP Italia, filiale italiana della multinazionale inglese specializzata nella protezione nelle carte pagamento, che traccia la mappa dei Paesi in cui le carte di pagamento sono più diffuse. La ricerca riserva delle piccole sorprese. Se è vero che nelle prime posizioni troviamo paesi con una più diffusa cultura finanziaria come l'Inghilterra, con 2,7 carte di pagamento per abitante, il Lussemburgo (1,99) e l'Olanda (1,91), non si può fare a meno di notare che gli sloveni, noni con 1,6 carte di pagamento per abitante, e i turchi, undicesimi con una media di 1,46 carte pro capite, precedono tedeschi (12esimi con 1,45 carte procapite) e italiani (17esimi con 1,25 carte a testa). Rispetto al nostro paese c'è una maggiore predisposizione all'utilizzo della carta di credito in Grecia (1,42 carte di pagamento per abitante), Malta (1,35), Cipro (1,33) ed Estonia (1,32). Attenzione però all'utilizzo della carta quando si è in vacanza in Spagna, Francia, Usa e Brasile. Sono questi infatti i Paesi in cui sono stati segnalati a CPP la maggior parte dei problemi con carte di credito. Fra i circa 1000 sinistri analizzati è la Spagna, con il 31% dei casi segnalati, il Paese più a rischio con Barcellona in testa (17,7% dei sinistri) fra tutte le città iberiche. Seguono nell'ordine Francia (12%) con Parigi (7%), Stati Uniti (9%) e Brasile (7%).



© Riproduzione Riservata.