BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LE MAPPE DEGLI STEREOTIPI/ Italiani: pizza, spaghetti e mafia. E noi come vediamo il resto del mondo?

Pubblicazione:

print-europe-italyR400.jpg
<< Prima pagina

L’ITALIA E IL RESTO DEL MONDO - Si parte dall’Italia, e da come noi consideriamo gli altri Paesi. In realtà, l’arguzia maliziosa del disegnatore, alla nostra Penisola, riserva un trattamento di “favore”. A conoscenza, probabilmente, del nostro proverbiale campanilismo, coglie un punto di vista particolare. Quello del Nord Italia rispetto al resto del mondo. E del “resto”, per il nord, fa parte il sud. Il centro-sud diventa “Etiopia”, la Sicilia “Somalia”, la Sardegna “Berlusconia”. Passando ai vicini, la Corsica è “Francia”, la Francia diventa “L’impero di Carla Bruni”, e la Spagna – frutto della convinzione che gli iberici rappresentino i “cugini poveri” - un luogo dove si parlano “dialetti italiani”. Secondo Tsvetkov identifichiamo la Svizzera con gli orologi, la Germania come un popolo di “maniaci della precisione” mentre l’Austria come “L’impero perduto”. Scontiamo la nostra grande passione calcistica, e la Gran Bretagna coinciderebbe con lo stadio di Wembley, mentre l’Irlanda con il Rugby.


Sposandoci ad Est, i cliché si fanno decisamente più pesanti: l'Ungheria? E’ la “patria delle pornostar”. La Romania? Quella dei “ladri”. Dalla Bulgaria non provengono altro che “babysitter”, mentre i Paesi dell’ex Jugoslavia sono “terre inesplorate e sconosciute”. Ancora più a Est troviamo la Russia o – meglio – “Gazprom”, il colosso energetico dal quale proviene gran parte della nostra energia. La Polonia è l’unica a salvarsi: è “lo stato del Papa”, ad est della quale si trova la “Terra Incognita”, ovvero, la Bielorussia. In effetti, provate a chiedere a qualcuno cosa si trovi tra la Polonia e la Russia. I più risponderanno: “Nulla!”. Spostandoci nell’estremo nord europeo, troviamo la Svezia, “terra della Volvo”, la Finlandia la “terra del Nokia”, e la Danimarca, quella “dei Vichinghi”. L’Europa, infine. Del quale avremmo un concetto decisamente limitato. La identifichiamo, infatti in tutto e per tutto con il Belgio e la sua capitale Bruxelles.


CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEEGGERE L’ARTICOLO



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >