BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CITTA’ PIU' COSTOSE/ Milano in testa alla top ten. Più cara di New York e Parigi

Pubblicazione:

milanobynight_R400.jpg

«Milan l’è un gran Milan». Per i meneghini questa è un’incontestabile verità assoluta. C’è un primato, tuttavia, nel quale ai lombardi non farà particolarmente piacere eccellere. Quello della città turistica più cara al mondo. Milano si colloca al primo posto lasciandosi dietro Londra, Parigi e New York. E’ quanto emerge da un’indagine di Mercer human resource consulting, una società di consulenza americana che nel suo rapporto 2010 ha rivelato la triste verità. Triste perché non è detto che costi più alti significhino servizi più alti. L’indagine, infatti, è stata effettuata incrociando circa 200 parametri. Tra questi, i costi degli affitti, dei consumi, degli alberghi e dei divertimenti. L’indice, non a caso, è puntato contro gli aumenti dei prezzi degli hotel e contro quelli dei negozi di alta moda, inaccessibili pressoché a chiunque. Del resto, se così non fosse, non si tratterebbe di alta moda...


In ogni caso, il gradino più alto del podio sarebbe frutto di un altro elemento. Poco lusinghiero, in realtà, nei confronti della Capitale lombarda. Giovanni Terzi, assessore alle Attività Produttive del Comune dichiara che «si può fare molto di più, anzi deve fare di più». Ma confessa: «non bisogna sottovalutare il malcostume diffuso per cui ad esempio il caffè, che generalmente costa un euro, viene fatto pagare il quadruplo agli stranieri. Queste astuzie di pochi rovinano purtroppo il lavoro di molti». Di tutt’altro avviso è Stefano Maullu, assessore regionale a Commercio, Turismo e Servizi: «Il problema dei costi è sicuramente un tema su cui confrontarci con gli operatori della ristorazione e della ricezione. Ma è significativo che la percentuale dei turisti che hanno manifestato la volontà di tornare a Milano e di consigliarla ad amici e conoscenti come destinazione è cresciuta dal 64,4% del 2007 all'86,9% di oggi».


CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO



  PAG. SUCC. >