BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CITTA’ PIU' COSTOSE/ Milano in testa alla top ten. Più cara di New York e Parigi

Pubblicazione:

milanobynight_R400.jpg

LE ALTRE CITTA’ EUROPEE - L’unica città italiana, oltre a Milano, ad occupare un posto significativo nella lista, è Roma, al 26° posto. Dopo Mosca, Ginevra, Zurigo e Copenhagen, quindi, le città più care in Europa sono Oslo (11°) in Norvegia, Londra e Parigi (entrambe al 17°), Berna (22°) in Svizzera, Vienna (28°) e St Piatroburo (30°). Veniamo a quelle adatte anche agli stranieri non particolarmente danarosi: Amsterdam (35°), Baku (36°) Dublino (42°), Istanbul (44°), Barcellona (49°), Francoforte (50°), Madrid (52°) e Lisbona (72°), Budapest (94°), Varsavia (96°) e Tallinn (115°). Le città del vecchio Continente meno care sono, invece, Tirana (200°) in Albania, seguita da Skopje in Macedonia (197°), Sarajevo (196°) in Bosnia-Erzegovina, Minsk (192°) in Bielorussia e Belfast (182°) nel Regno Unito.

 

IL PRIMO POSTO DELLA CLASSIFICA GENERALE - Se il secondo posto della classifica è solo una riprova di quanto già si sapeva, il primo e il terzo potrebbero sbalordire. Il primato assoluto di città più cara al mondo spetta, infatti, a Luanda, la capitale dell'Angola. Il dato non deve ingannare. Nessuno si immagini una ridente località in cui gli abitanti facoltosi rappresentino un’eccezione nello sfortunato continente nero. Lì due terzi dei cittadini vivono con meno di due dollari al giorno, nella più assoluta povertà. Il boom petrolifero, tuttavia, ha richiamato sempre più investitori stranieri, facendo balzare i prezzi dei consumi alle stelle. Mangiare in un fast food può costare anche 18 dollari, mentre un appartamento con due camere da letto 7mila dollari al mese. La medaglia d’argento, poi, va ancora a un’altra città africana: N'djamena, la capitale del Ciad. Anche qui, non siamo di fronte ad una situazione idilliaca. Spiega la società d’analisi che la Città «ha un alto costo della vita dovuto agli anni della guerra civile, che ha scoraggiato gli investitori stranieri». Nella metropoli si stenta a procurarsi il necessario per vivere. Basti pensare che un caffè arriva a costare, in media, 3,12 dollari.

 

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >