BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MEDICINA/ Gli danno 3 mesi di vita. Lui spende tutto, ma la diagnosi è sbagliata

Pubblicazione:

Il film Non è mai troppo tardi  Il film Non è mai troppo tardi

I dottori gli avevano detto che gli restavano tre mesi di vita, consigliandogli di preparare una lista con le sue ultime cose da fare. Proprio come nel film «Non è mai troppo tardi» con Jack Nicholson e Morgan Freeman. Ma dieci settimane più tardi ha scoperto che era ben lontano dal morire. Quando il comico Dave Ismay si è sentito comunicare che i superalcolici gli avevano provocato una cirrosi al fegato e che aveva solo 90 giorni da vivere, è rimasto sconcertato, anche perché non era mai stato un bevitore particolarmente accanito. Messo di fronte alla diagnosi devastante l’ex attore televisivo, che si è esibito per 20 anni con il suo migliore amico, il famoso comico inglese Bob Monkhouse, ha deciso che gli rimaneva ancora molto da fare. E come racconta il quotidiano inglese Daily Mail, ha immediatamente preparato la sua lista con le ultime cose da fare prima di morire, scoprendo però due mesi più tardi che i medici avevano completamente sbagliato la diagnosi.


«SHOCK SCONVOLGENTE» - Dave non aveva la cirrosi epatica provocata dall’alcol, ma in realtà soffriva per una condizione ereditaria curabile chiamata emocromatosi, che consiste in un eccesso di ferro nel sangue. Dave, 64 anni, di Ashby-de-la-Zouch nel Leichestershire, ha dichiarato: «Sentirsi dire che ti sono rimasti solo tre mesi di vita focalizza completamente la tua mente su quella “scadenza” e ti fa affrontare ogni cosa con un’unica prospettiva. Tutte le cose che pensavi di fare improvvisamente smettono di sembrarti importanti. Quando sono uscito dalla visita con i dottori la prima cosa che ho fatto è stata sedermi e scrivere una lista delle ultime cose che intendevo compiere – la lista delle cose che volevo realizzare finché ero ancora in vita».
 



  PAG. SUCC. >