BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TERRORISMO/ Minaccia costante tra kamikaze nel metrò e il ritorno di Bin Laden

Pubblicazione:

binladen_R400.jpg

Attacchi nel metrò, tentativi di dirottamento degli aerei, nuovi messaggi audio di Osama Bin Laden. A nove anni dall’11 settembre, la minaccia terroristica non accenna a diminuire, mentre le ricerche per arrestare il numero 1 di Al Qaeda non producono risultati.

AUDIO DI BIN LADEN - Il leader del terrore si è rifatto vivo per l’ultima volta lo scorso 30 settembre. Alcuni siti islamici hanno diffuso un nuovo messaggio audio del fondatore di al Qaeda. Invece delle consuete invettive contro l'Occidente, questa volta lo sceicco ha espresso la sua preoccupazione per il cambiamento climatico globale e le alluvioni in Pakistan. Nel messaggio, della durata di undici minuti, che come scrive Repubblica è stato trovato dal Site Intelligence Group (il centro di monitoraggio dei siti integralisti islamici) Bin Laden cita le inondazioni che nelle settimane recenti hanno flagellato il Pakistan.

MESSAGGIO ALLE ONLUS ISLAMICHE - E dà alcuni consigli agli agricoltori del Sudan, dove abitò alcuni anni prima di insediarsi in Afghanistan. L'audio è accompagnato da un'immagine fissa del capo di al Qaeda e dalle foto delle persone alluvionate che ricevono soccorsi. «Il numero delle vittime causate dal cambiamento climatico è molto alto, più alto del numero delle vittime della guerra», dichiara Bin Laden nel messaggio. «La catastrofe pakistana è enorme ed è difficile descriverla. Ciò che stiamo affrontando esige un'azione rapida e seria da parte di uomini coraggiosi e di buon cuore per portare soccorso ai fratelli musulmani pakistani».

ATTENTATO IN METRO’ - L’ultimo attentato islamico in Europa si è verificato invece a Mosca il 28 marzo scorso. Due esplosioni nella metropolitana hanno causato almeno 39 vittime. Secondo le autorità russe risultano 23 morti in una, 16 nell'altra. Come scrive il Corriere della Sera, in tutto i feriti sono un centinaio tra gravi e leggeri. Una terza esplosione avrebbe dovuto colpire la stazione del Parco della cultura, ma la cintura esplosiva non è scoppiata ed è stata poi disinnescata dagli artificieri. Il procuratore di Mosca, Yuri Semin, ha dichiarato che in entrambi i casi le esplosioni - avvenute sulla linea Sokolniceskaja - sono state provocate da kamikaze donne. Sono ricercate altre due donne che avrebbero accompagnato le kamikaze e sono state riprese dalle telecamere interne.

KAMIKAZE DONNE - «Parti dei corpi ritrovati sui luoghi degli attentati ci consentono di dire che i kamikaze erano donne», ha detto una fonte della polizia. «È ritenuta possibile la partecipazione di un gruppo terroristico collegato con il Caucaso del nord», ha dichiarato il capo dell'Fsb, Aleksandr Bortnikov, lasciando aperta la pista sia verso un’organizzazione cecena sia verso altri gruppi attivi nella regione in senso allargato. Secondo le immagini delle telecamere a circuito chiuso, le due kamikaze erano di aspetto slavo.

 



  PAG. SUCC. >