BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CATASTROFI/ Terremoti, eruzioni e uragani: i disastri più terribili della storia

Pubblicazione:

L'uragano Katrina  L'uragano Katrina

 

 

CROLLO DELLA DIGA DI BANQIAO (1975) – La diga fu costruita nei primi anni ’50 e fu progettata in modo tale da far fronte a precipitazioni di 30 centimetri al giorno, ma nell’agosto 1975 la pioggia superò i 102 centimetri al giorno. E questo fece crollare la diga. Le acque formarono quindi un’enorme onda larga 10 chilometri e alta tra tre e sette metri. E l’inondazione causò 150mila morti e fece crollare quasi sei milioni di edifici.
 

CICLONE DI BHOLA (1970) – Il 12 novembre 1970 un ciclone colpì il Bangladesh che all’epoca faceva ancora parte del Pakistan. Fu il ciclone ad avere provocato più vittime nella storia: si stima che il bilancio sia di 500mila vittime. Le conseguenze della perturbazione portarono il governo a perdere il controllo dell’area, e questo diede alla guerra di Liberazione del Bangladesh dall’oppressione pakistana, che portò in breve tempo alla creazione del nuovo Stato.
 

INONDAZIONE DELLA CINA (1931) – Nell’inverno del 1930 la Cina fu colpita da pensanti tempeste di neve. Quando nella primavera del 1931 si sciolsero, questo fece alzare i livelli dei fiumi . E quando in luglio piovve in modo continuo, con ben sette cicloni consecutivi, i fiumi iniziarono ad allagare la Cina. A straripare furono i fiumi Giallo, Yangtze e Huai. I danni causati dagli allagamenti furono indescrivibili e il bilancio delle vittime oscilla tra 400mila e 4 milioni.
 

TERREMOTO NELLO SHAANXI (1556) – Il 23 gennaio 1556 un terremoto cancellò un’area ampia 840 chilometri quadrati coinvolgendo ben 90 province nella provincia cinese dello Shaanxi. Le vittime stimate sono state circa 800mila, e la maggioranza era composta da persone che vivevano nelle yaodong, grotte artificiali scavate nelle colline che crollarono durante il sisma.
 

VESUVIO (79) – Il 24 e 25 agosto del 79 dopo Cristo il Vesuvio si risvegliò. L’eruzione durò 18-20 ore e produsse una pioggia di rocce vulcaniche che ricoprì la città di Pompei, distrusse la città di Ercolano e uccise oltre 25mila persone.
 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.