BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LA STORIA/ Il bimbo del miracolo di Natale «provoca» la rovina della sua famiglia

Pubblicazione:

parto-cesareo-r400.jpg

Da protagonista del miracolo di Natale dell’anno scorso, a involontario responsabile della rovina della sua famiglia. E’ la storia di Coltyn Hermanstorfer, 12 mesi, che è tornato a vivere dopo essere morto durante il parto.


MIRACOLO DI NATALE - Tutto è iniziato alla vigilia del Natale dello scorso anno, quando la madre Tracy, 34 anni, ha incominciato ad avvertire le doglie per il parto. E mentre i medici del Memorial Hospital di Colorado Springs cercavano di aiutarla a partorire, improvvisamente il suo cuore ha smesso di battere. I dottori le hanno praticato il taglio cesareo di emergenza per salvare la vita del piccolo Coltyn. Purtroppo, come scrive il sito news.gather.com, Coltyn è nato ugualmente senza vita. Quella che sembrava una tragedia si è tramutata in un miracolo quasi incredibile. Sia la madre sia il figlio infatti sono ritornati alla vita. E questo nonostante il cuore di Tracy avesse smesso di battere per quattro minuti durante il parto. Un’esperienza molto vicina alla morte, superata in modo miracoloso.
 

UN ANNO TERRIBILE - Sfortunatamente però dal Natale scorso la famiglia ha trascorso un anno terribile. Il padre Mike ha perso il suo lavoro di dipendente di un’azienda di trasporti, perché ha saltato troppe giornate di lavoro per occuparsi della moglie e del figlio. La famiglia è stata sfrattata dalla casa dove abitava perché, non avendo più nessuno stipendio, non è riuscita a pagare l’affitto. Ed è stata quindi costretta a trasferirsi dalla madre di Tracy. Il padre, Mike Hermanstorfer, ha inoltre raccontato di non essere stato in grado di pagare gli alimenti alla ex moglie, ed è quindi finito in prigione. Per non parlare del fatto che la coppia non ha nessuna assicurazione sanitaria, indispensabile negli Stati Uniti dove le cure mediche non sono garantite in modo gratuito. «Stiamo avendo delle difficoltà a trovare l’uscita alla fine del tunnel», ha dichiarato Mike Hermanstorfer al quotidiano Usa, Denver Post.
 



  PAG. SUCC. >