BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

2011/ Il Capodanno è arrivato dall'altra parte del mondo. Le immagini da Sidney

Pubblicazione:

capodanno_auguriR400.jpg

2011, il video con i festeggiamenti del Capodanno a Sidney, Australia - Ultime ore del 2010 in Italia, ma dall’altra parte del mondo, in Australia, il 2011 è già scattato. Miliardi di persone in tutto il mondo nel festeggiano l'arrivo del nuovo anno, in alcuni casi sfidando intemperie, inondazioni e canicola in Oceania o tempeste di neve negli Stati Uniti. I primi che hanno brindato al 2011 sono stati però gli abitanti di Kiribati, piccola isola del Pacifico che ha "dato il benvenuto" al 2010, alle 11 di mattina italiane. Anche dalla Nuova Zelanda arrivano le immagini di festa per l’anno nuovo, con il cielo notturno di Auckland illuminato dai fuochi d'artificio.

In Australia il tempo non è stato particolarmente clemente con chi ha cercato di festeggiare all’aperto il nuovo anno: sul nordest del continente, si sono infatti abbattute inondazioni senza precedenti. Già da mezzogiorno a Sidney migliaia di coraggiosi hanno iniziato a dirigersi verso la zona del porto per trovarsi in prima fila per assistere al suggestivo spettacolo dei fuochi d'artificio all'Harbour Bridge. E poco più in là sulla spiaggia di Bondi Beach già si registrava il tutto esaurito. Mentre nella regione di Adelaide è il grande caldo che infuria, con temperature che hanno raggiunto i 43 gradi facendo temere gli incendi boschivi. In Asia, i fuochi di artificio sparati dalla baia di Hong Kong dovrebbe richiamare 400mila persone mentre milioni di giapponesi raggiungeranno i templi per "purificarsi".
Anche l’Europa non viaggia molto bene – è il caso di dirlo - quanto a condizioni climatiche: la morsa del freddo ha mandato in tilt gli aeroporti, e anche oltreoceano non è andata meglio. Comunque sia, a Londra anche quest’anno si faranno le cose in grande: più di 250mila persone sono attese a Londra sulle rive del Tamigi per ascoltare il Big Ben con i rintocchi che accompagnano gli ultimi secondi del 2010. Milioni di altre persone affolleranno la porta di Brandeburgo a Berlino o i Campi Elisi a Parigi. In Germania, una gigantesca "guerra" di palle di neve, che doveva mobilitare circa 8mila persone il 1 gennaio a Berlino, è stata ufficialmente vietata, nel timore degenerasse.
E New York non sarà da meno, con migliaia di persone attese a Times Square per assistere al conteggio alla rovescia degli ultimi minuti dell'anno.

CLICCA QUI >> PER VEDERE IL VIDEO DEL CAPODANNO 2011 A SIDNEY, AUSTRALIA



  PAG. SUCC. >