BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Curiosità

YETI/ Scoperto in Cina un animale mai visto prima: risolto il mistero?

Scoperto in Cina lo yeti. Un animale "mezzo orso e mezzo uomo". Potrebbe appartenere alla famiglia dei binturong

YETI_R375.jpg(Foto)

Lo yeti, di cui per decenni si è cercata traccia al di là delle leggende, potrebbe finalmente essere stato identificato. Un animale mai visto prima è stato catturato da un gruppo di cacciatori della provincia cinese del Sichuan. Inizialmente avevano pensato a un orso: “Sembra un orso ma non ha pelo e la sua coda assomiglia più a quella dei canguri" ha raccontato uno dei cacciatori, il signor Lu Chin. "Neanche il suono della voce è come quella degli orsi, sembrerebbe più quella di un gatto" ha aggiunto. "Fa dei continui richiami probabilmente cerca aiuto dagli ultimi della sua specie o forse è lui l'ultimo? Non lo sappiamo". Un animale misterioso, “mezzo orso e mezzo uomo”, come vuole la leggenda dello yeti, cercato e avvistato ma mai catturato da moltissimi anni.


 


 



Secondo le osservazioni dei primi esperti, potrebbe trattarsi di un appartenente alla famiglia dei binturong, un carnivoro che vive nelle foreste tropicali dell’Asia e che è però coperto da un folto pelo. Come l’animale trovato nel Sichuan, ha il muso che assomiglia a un gatto e il corpo a un orso. Il fatto che entrambi gli animali possano spostarsi in modo eretto, conferma la leggenda dello yeti, l’essere mezzo uomo e mezzo animale. Il tutto troverebbe conferma nell’antica leggenda cinese di un orso che un tempo era stato un essere umano”. Lo yeti, appunto.

CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO SULLO YETI SCOPERTO IN CINA


COMMENTI
07/04/2010 - macchè YETI (Antonio Servadio)

Non solo restano ignote moltissime specie di piante e di piccoli animali invertebrati, ma ecco questo bell'esempio di animale di grossa taglia catturato per la prima volta. Evidentemente non tutto è già noto a questo mondo, a dispetto di quel positivismo becero secondo cui si sa già tutto.